Quattro casi in ospedale: "Escludiamo infezione da paziente". Possibile contagio da asintomatico

I tamponi effettuati al personale non hanno dato altri esiti positivi

Non si è trattato fortunatamente di un focolaio, bensì di "un contagio circoscritto ad un gruppo ristretto di dipendenti, tutti appartenenti allo stesso reparto e allo stesso turno di lavoro, assoggettati a tampone rino-faringeo nell’ambito del programma di sorveglianza sanitaria predisposto dall’Azienda, attraverso l’Ufficio del Medico Competente”. E’ quanto sottolinea l’azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta in una nota dopo aver effettuato ulteriori tamponi al personale dipendente.

I dipendenti risultati positivi al Covid-19 (un medico, due infermieri e un OSS, ai quali va l’abbraccio di tutta l’Azienda) avevano in precedenza effettuato più volte l’esame ed erano risultati sempre negativi. “Proprio in virtù del programma di sorveglianza sanitaria adottato dall’AORN di Caserta, in primis con i controlli ai dipendenti impegnati nei reparti Covid - continua la nota dell’azienda ospedaliera guidata dal commissario Carmine Mariano - è stato possibile accertare ed isolare tempestivamente i casi positivi manifestatisi nel Pronto Soccorso lo scorso 24 aprile, evitando la propagazione del virus. Altrettanto immediato è stato l’intervento di sanificazione dell’intero Pronto Soccorso che in poche ore ne ha consentito la riapertura in piena sicurezza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre nelle ore immediatamente successive all’accertamento dei quattro casi positivi sono stati sottoposti a tampone tutti i dipendenti del Pronto Soccorso. I tamponi processati nel giro di poche ore hanno dato tutti esito negativo. “L’indagine epidemiologica che ne è seguita ha ritenuto poco probabile un contagio da paziente - spiegano dall’ospedale - L’episodio verificatosi ci dice che non bisogna abbassare la guardia perché il virus può introdursi in Ospedale anche attraverso soggetti asintomatici. I percorsi e le procedure, peraltro continuamente aggiornati, in accordo con le indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità, devono essere scrupolosamente osservati anche nell’attuale insidiosa fase di rallentamento della circolazione del virus. Allo stesso modo devono essere correttamente indossati i Dispositivi di Protezione Individuale, forniti ai reparti e ai dipendenti in numero e tipologia appropriati. Naturalmente proseguirà la sorveglianza sanitaria dei dipendenti che al 26 aprile registra l’esecuzione di 1.446 tamponi e oltre 900 test rapidi, a fronte di una comunità lavorativa di 1.500 unità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lieve aumento dei contagi nel casertano: ecco i comuni più colpiti della seconda ondata

  • Scuole, il 24 e 25 settembre sarà sciopero: si teme nuovo rinvio dell'apertura

  • I contagi aumentano ancora. Caserta supera Aversa: è la città con più positivi

  • Record di nuovi contagi nel casertano: mai così tanti in un giorno

  • Terremoto a 24 ore dalle elezioni. Candidato sindaco indagato per voto di scambio: "Accuse da mitomani"

  • Nuovo boom di contagi nel casertano, ma crescono anche i guariti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento