menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Luigi Petrella sui contagi nella comunità rom

Il sindaco Luigi Petrella sui contagi nella comunità rom

Contagi in comunità rom, il sindaco: “Arrivati senza avvisare a Castel Volturno. Serve maggiore attenzione”

L'intervista di Casertanews a Luigi Petrella: "E' una mazzata assolutamente non prevista, i cinque contagiati sono arrivati da comunità rom del nolano e del napoletano. Ho paura che il contagio possa espandersi"

Torna l'incubo del contagio da coronavirus a Castel Volturno, dopo circa due mesi in cui i casi di positività avevano raggiunto quota zero. Nella città del litorale sono stati infatti accertati dall'Asl ben 5 contagi da Covid-19 in un solo giorno. Sulla questione Casertanews ha intervistato il sindaco Luigi Petrella.

Sindaco i nuovi casi di Covid-19 hanno collegamenti con altri contagiati?

“I cinque contagiati non sono residenti a Castel Volturno, ma si tratta di persone di etnia rom, appartenenti a due famiglie diverse, che si sono spostate da comunità rom del napoletano e del nolano, e che ora sono domiciliate in una località della nostra città. Sono arrivati in città senza avvisarci e dunque non rispettando alcuna procedura prevista in materia di contenimento del contagio da Covid-19. Oltretutto hanno fornito all’Asl anche indirizzi sbagliati e gli agenti della polizia municipale hanno impiegato ore per rintracciarli. Ora queste cinque persone sono in quarantena domiciliare e sono assistite dal personale dell’Asl e dalla Protezione civile”.

Quando le è arrivata la comunicazione dall'Asl qual è stato il suo primo pensiero?

“È stata una mazzata non prevista. È come se ci fosse caduta una tegola pesante in testa. Nemmeno nella fase 1 e 2 dell’emergenza coronavirus abbiamo avuto 5 casi di positività al Covid-19 in un solo giorno. E’ davvero preoccupante questa situazione, anche perché fino ad oggi abbiamo fatto un buon lavoro con i cittadini residenti e gli immigrati in termini di contenimento del contagio, ma ora ci risiamo”.

Teme che il contagio ora possa espandersi in città? Così come è avvenuto nella vicina Mondragone...

“Non voglio creare allarmismi, ma certo è che la preoccupazione che il contagio possa espandersi c’è. Purtroppo non ho la sfera di cristallo e non posso prevedere questi spostamenti improvvisi, né tantomeno gestirli. Con i mezzi e gli uomini che ho a disposizione riesco solo a gestire il contagio tra i residenti. C’è bisogno di un’attenzione maggiore, che vada oltre le attenzioni del sindaco e delle forze dell’ordine. Altrimenti si rischia di vanificare tutto il lavoro che abbiamo fatto in questi mesi a Castel Volturno per tenere a freno il contagio”.

Questo mini focolaio può rivelarsi un'ulteriore mazzata per la città, soprattutto per il settore economico. E' così?

“Abbiamo un territorio che è stato preso praticamente d’assalto dai vacanzieri e questo lascia ben sperare. Soprattutto per le sorti dell’intero comparto turistico balneare. Certo è che il coronavirus non è affatto sconfitto. Dunque c’è bisogno di non abbassare la guardia, altrimenti la paura del contagio ripiomberà in città ed i contraccolpi saranno davvero pesanti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Attrice casertana sbarca in Rai col 'Commissario Ricciardi' | FOTO

Attualità

Incubo ‘zona rossa’ per una trentina di comuni casertani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento