rotate-mobile
Cronaca Santa Maria Capua Vetere

Focolaio Covid in carcere: 83 detenuti positivi

Il segretario De Fazio: "Urgono provvedimenti in vista dell'autunno"

Con la ripresa del Covid riesplodono i focolai anche nelle carceri italiane. Tra i penitenziari più colpiti ci sarebbe anche Santa Maria Capua Vetere dove si registrerebbero ben 83 detenuti positivi al virus. Lo riferisce il segretario generale della Uilpa Polizia Penitenziaria Gennarino De Fazio. 

"Come ormai abbiamo nostro malgrado ben imparato, l’andamento della pandemia da SARS-CoV-2 in carcere segue la curva del Paese con alcuni giorni di ritardo, per cui questa sembrerebbe la fase di massimo incremento. Purtroppo, nei penitenziari persistono problematiche ancestrali che sono aggiuntive rispetto a quelle della popolazione libera. Luoghi chiusi per antonomasia, di promiscuità, sovraffollati e nei quali, dunque, gli assembramenti sono istituzionalizzati, spesso insalubri se non fatiscenti e dove la sanità e tutt’altro che efficiente. Tutto questo non è certamente alleviato dalla circostanza che il DAP abbia di fatto rifiutato l’aggiornamento del protocollo di sicurezza sanitaria anticontagio, risalente all’ottobre del 2020 e ormai superato dalle evidenze scientifiche”, aggiunge il Segretario della UILPA PP.

De Fazio evidenzia come "nulla di tangibile si sta realizzando per affrontare la moltitudine di gravissimi problemi che attanagliano da troppo tempo le carceri e che nel marzo del 2020 ha prodotto, oltre alla quotidiana sofferenza, rivolte, violenza e morte. A ben oltre 100 giorni dall’insediamento del nuovo Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Carlo Renoldi, abbiamo sentito solo alcuni ‘faremo’, ma non abbiamo visto alcun ‘fatto’. Noi continuiamo a dire che queste settimane sarebbero essenziali per l’adozione di provvedimenti utili ad affrontare un autunno che, pure sul versante del contagio, non promette nulla di buono e che potrebbe innestarsi su tensioni sociali di più vasta natura. Come purtroppo già accaduto, però, abbiamo la sensazione di essere quasi gli unici a leggere gli eventi in anticipo e a preoccuparci consequenzialmente”, conclude.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Focolaio Covid in carcere: 83 detenuti positivi

CasertaNews è in caricamento