Coronavirus, secondo caso ad Aversa. Buone notizie dal ‘mini focolaio’

Positivo al tampone anche il convivente del paziente già monitorato. A Roccamonfina 16 negativi su altrettanti test

Dopo tre mesi di “immunità”, oggi Aversa conta anche il secondo caso di coronavirus. Si tratta del convivente del paziente a cui era stato riscontrato il contagio da Covid-19.

E’ stato lo stesso sindaco Alfonso Golia a confermarlo con un post su Facebook: “Entrambi sono in quarantena già da giorni e tutti i contatti sono stati individuati. Non allarmiamoci e continuiamo a indossare la mascherina, non perché lo prescrivano delle ordinanze ma perché è l'unico modo per tutelare la salute di tutti noi. Ricordo a tutti quelli che rientrano dall'estero che non bisogna recarsi all'ospedale o all'Asl ma di segnalarsi e registrarsi. Sarà l'Asl a ricontattare per il tampone. È fondamentale non intasare il pronto soccorso e non esporre al rischio contagio il personale sanitario”.

Intanto arrivano buone notizie da Roccamonfina, dove si è acceso un mini focolaio di contagi. L’Asl Caserta ha comunicato questa mattina all’amministrazione comunale guidata dal sindaco Carlo Montefusco l’esito di 16 tamponi che sono tutti negativi. Il dato dello screening di massa viene così aggiornato a 214 tamponi processati con 16 positivi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento