menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Boom di contagi: il virus colpisce anche un bimbo di 13 mesi. "Rischio lockdown"

Tanti ragazzi in isolamento. Il sindaco: “A breve costretti a chiudere le scuole”

Boom di contagi a San Prisco: il sindaco, molto preoccupato, annuncia che a breve sarà costretto a chiudere le scuole. L’escalation di coronavirus nel comune alle porte di Santa Maria Capua Vetere è ripresa. In pochi giorni si è passati da 8 a 46 positivi.

“San Prisco fa parte di una lista di comuni monitorati dalla regione Campania in ragione di un numero di contagi molto preoccupante come percentuale in base ai tamponi effettuati” si legge in un post su Facebook del sindaco Domenico D’Angelo. “In pochi giorni siamo passati a 46 positivi. Si tratta in prevalenza di persone appartenenti allo stesso nucleo familiare, in virtù di questo abbiamo una percentuale di positivi che abbracciano quasi tutte le fasce di età. Al momento nessuna di queste persone presenta una sintomatologia tale da dover ricorrere alle cure ospedaliere, anzi una buona parte, fra cui molti bambini e adolescenti a partire dai 13 mesi fino ai 16 anni, è del tutto asintomatica”.

D’Angelo sottolinea come “dagli incroci delle normative e disposizioni vigenti in base a questi dati che ci collocano fra i comuni attenzionati, a breve saremo costretti a porre in essere, attraverso una ordinanza sindacale, alcune misure atte a contenere il dilagare dei contagi, in primis la chiusura delle attività didattiche di ogni ordine e grado in presenza sul territorio comunale, e a seguire delle limitazioni per le attività commerciali non essenziali. Contestualmente  sono state sollecitate le forze dell'ordine ad adoperare dei controlli più frequenti e più stringenti”.

E chiosa: “Le misure potranno essere riviste di settimana in settimana, ma con questi ritmi assolutamente negativi siamo proiettati senza tanti giri di parole verso un inopportuno lockdown totale per tutta il nostro territorio. È importante quindi invertire la tendenza per una questione di salvaguardia della salute come priorità assoluta ma anche per una tutela economica delle attività commerciali locali che potrebbero non reggere l'urto di una improvvida chiusura totale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento