Focolaio in paese, il sindaco chiude i negozi 'a rischio'

L'ordinanza di Montefusco dopo i 19 casi. Al via il censimento della serata al bar con uno dei positivi

Chiusura di tutte le attività commerciali i cui titolari siano risultati positivi o che abbiano familiari o dipendenti risultati positivi al Coronavirus. E' quanto ha disposto il sindaco di Roccamonfina Carlo Montefusco con una propria ordinanza per frenare la diffusione del Covid in paese dopo l'inizio del mini focolaio in paese con ben 19 casi su circa 94 tamponi processati su 198 eseguiti. 

Intanto, il focolaio di Roccamonfina ha messo in apprensione altre comunità, come Sparanise. Uno dei ragazzi risultato positivo al Coronavirus, infatti, avrebbe frequentato un bar di Sparanise. L'Asl ha focalizzato l'attenzione, in particolare, sulla serata del 13 agosto. "Tutti i presenti devono comunicarlo al proprio medico di famiglia", fa sapere il sindaco Salvatore Martiello. "La comunicazione va fatta a prescindere dalla presenza di sintomatologia", ha detto ancora. Martiello ha chiesto "onestà" da parte di tutti per "evitare di trovarci in una situazione critica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

Torna su
CasertaNews è in caricamento