Un altro bambino monitorato nella ‘zona rossa’: gli altri 2 positivi sono in ospedale

Sottoposto a secondo tampone. Intanto si inizia a studiare la ‘exit strategy’

L'Esercito presidia la zona rossa dei Palazzi Cirio

Una settantina di casi certificati e la speranza che i numeri non si allargano. E’ questa la fotografia attuale dei due mini focolai scoppiati negli ultimi giorni tra Mondragone e Falciano del Massico, che hanno portato a delimitare come ‘zona rossa’ l’area dei Palazzi Cirio nella città del litorale comizio ed a chiudere un’azienda dopo lavoravano tutti dipendenti sui quali è stata riscontrata la positività al tampone da Covid-19. Dopo oltre 5mila tamponi effettuati negli ultimi giorni, ora sarà importante capire l’evoluzione: se non ci saranno ulteriori picchi (così come in realtà si crede) dall’8 luglio ci potrebbe essere già una prima svolta importante, come la revoca del cordone sanitario attorno ai Palazzi Cirio. Certamente andranno monitorate le persone attualmente positive (quasi una settantina solo quelle residenti a Mondragone) ma si potrebbe tornare alla normalità. La exit strategy ideata dalla Regione Campania è quella di sottoporre nuovamente a tampone tutte le persone residenti ai Palazzi Cirio (poco più di 700) per verificare la situazione e capire se, intanto, c’è stata una evoluzione o meno del contagio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un altro bambino in attesa di tampone

"Nella zona rossa di Mondragone sono risultati positivi al Covid-19 due bambini della comunità bulgara che risiede nei palazzi ex Cirio. Un altro à in attesa del secondo tampone, è asintomatico ma in quarantena a casa”. Ad affermalo all’agenzia ‘Dire’ è Giuseppe Parisi, presidente della Società italiana di Pediatria (Sip) della Campania, che non nasconde preoccupazione per il focolaio nella sua regione. “E’ una situazione che va attentamente controllata perché venuta fuori solamente per caso, attraverso la positività di una donna bulgara che ha partorito all'ospedale di Sessa Aurunca. Il bambino non ha contratto il virus dalla madre e da quest'ultima si é risaliti alla comunità di Mondragone”. Il presidente Sip Campania spiega anche che "i due positivi asintomatici in età pediatrica sono un bimbo di 10 mesi e una bambina di 8 anni. Entrambi - conclude - sono ricoverati nell'unità di crisi del Policlinico Federico II di Napoli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Il Covid colpisce ancora: 187 nuovi positivi nel casertano

  • “Scuole riaperte da mercoledì”, ma De Luca spegne l’entusiasmo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento