menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, confermati 8 casi 'positivi' in provincia. Caserta attiva il Centro Operativo Comunale

La maggior parte sono collegati alla coppia di Bellona. Al momento in 4 sono ricoverati tra Cotugno e San Sebastiano, ma nessuno ha sintomi gravi. Salta anche la riunione per le elezioni di Fratelli d'Italia

Otto casi confermati di coronavirus in provincia di Caserta, ma nessuno che presenti sintomi preoccupanti. E’ quanto conferma anche l’Asl di Caserta dopo gli ultimi due tamponi positivi resi noti nella giornata di mercoledì, che riguardano sempre persone collegate alla coppia di Bellona, proprietaria di un’attività commerciale a Vitulazio. Dopo che i tamponi per il coronavirus hanno dato esito positivo, è stato attivato il protocollo per verificare possibili contatti che avrebbero potuto avere con altre persone per verificare altri collegamenti. Ma, finora, non sembra esserci ulteriore preoccupazione. I cinque casi di Bellona, infatti, sono tutti collegati tra di loro: gli ultimi tre riguardano persone dell’ambito familiare della coppia risultata positiva domenica 1 marzo dopo essere rientrata dal Nord Italia e quindi, al momento, non c’è rischio focolaio. Delle cinque persone positive, due sono ricoverate all’ospedale Cotugno di Napoli mentre altre due all’azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta. Sia loro che gli altri tre risultati positivi (residenti a Caserta, Mondragone e Cesa) hanno avuto bisogno di essere ricoverati in terapia intensiva e questo fa ben sperare per la tenuta del sistema sanitario. In totale, in provincia di Caserta, sono disponibili una cinquantina di posti di Terapia intensiva.

Tutte le notizie sul coronavirus in provincia di Caserta

Il sindaco di Caserta attiva il Centro Operativo Comunale

Il sindaco di Caserta Carlo Marino, intanto, ha disposto l’immediata attivazione del Centro Operativo Comunale (C.O.C.) con le indicazioni delle funzioni e l’individuazione dei responsabili. Il provvedimento è stato deciso in riferimento alla nota della Presidenza del Consiglio dei Ministri con la quale “si definisce la catena di comando e controllo, del flusso delle comunicazioni e delle procedure da attivare” . Il C.O.C. è integrato, per le attività di sovrintendenza, coordinamento e raccordo all’interno delle funzioni attivate e tra i singoli referenti dal Segretario Generale dell’Ente. I contatti con gli organi istituzionali interessati, faranno capo al sindaco direttamente ed attraverso l’Ufficio di Gabinetto, di cui è referente il Capo di Gabinetto. I referenti delle singole funzioni, nell’ambito delle proprie competenze, si attiveranno per il coinvolgimento immediato di tutti gli organi preposti, oltre alle forze dell’ordine ed alle associazioni di volontariato, informando il sindaco. “L’attivazione del COC, quale misura precauzionale, sarà l’occasione – si legge nel decreto sindacale - per ribadire una corretta comunicazione alla popolazione in relazione agli eventuali profili di rischio, aggiornare il monitoraggio dei soggetti vulnerabili, condividere le mappe dei servizi sanitari specializzati in caso di presenza di focolai epidemiologici e tutte quelle misure ritenute utili al fine di velocizzare ed ottimizzare la risposta del sistema locale in relazione alle eventuale attivazione dei protocolli di emergenza adottati dal governo e dalle regioni”. Inoltre l’amministrazione comunale di Caserta ha già attivato una serie di iniziative e avviato una sinergia con la Croce Rossa Italiana provinciale per la promozione di tutte le informazioni igienico- sanitarie che i cittadini sono invitati ad osservare. Già domenica prossima, 8 marzo, dalle ore 10, la CRI di Caserta allestirà in piazza Vanvitelli un gazebo informativo sulle precauzioni da adottare per ridurre le possibilità di contagio da Covid-19.

Elezioni 2020, salta la riunione di Fratelli d’Italia

Non mancano le ripercussioni sulla politica causate dal coronavirus. Per sabato era in programma la riunione a Caserta dei dirigenti di Fratelli d’Italia convocata per iniziare il dialogo in vista delle elezioni amministrative (in particolare a San Nicola e Marcianise) e per le Regionali 2020. Ma il commissario provinciale Marco Cerreto ha deciso di rinviarla: “Nel dimostrare senso di responsabilità e priorità nell’essere di esempio di partecipazione, abnegazione e disponibilità alla tutela e alla difesa della nostra comunità e quindi della Patria - si legge nella lettera di Cerreto - attese le disposizioni contenute nel nuovo decreto del presidente del consiglio dei ministri che recano misure urgenti per il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del virus Covid -19, abbiamo deciso di rinviare a data da destinarsi l’assemblea provinciale dei quadri dirigenti del partito convocata per il prossimo sabato 7 marzo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Scooter contro auto, muore ragazzo di 17 anni

  • Cronaca

    Arrestato il consigliere comunale Danilo D'Angelo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento