Spaccio di droga, convalidato l'arresto del nipote del boss

Il 19enne inseguito lungo la Domitiana e trovato in possesso di 100 grammi di cocaina

Convalidato l'arresto di Valerio Di Meo, 19enne mondragonese nipote del boss Giuseppe Fragnoli e fratello di Vincenzo Di Meo arrestato il 10 luglio dai carabinieri del Reparto Territoriale di Mondragone per detenzione illecita e traffico di sostanze stupefacenti. Il gip Emilio Minio del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha disposto contestualmente la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Valerio Di Meo è stato tratto in arresto lo scorso giovedì (23 luglio) dai carabinieri della sezione operativa del Norm di Mondragone per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Il diciannovenne mondragonese difeso dall'avvocato Ferdinando Letizia venne intercettato dai militari alla rotonda di Pescopagano sulla Domiziana mentre sfrecciava a bordo di una Fiat Punto su quella strada proveniente da Napoli.

Insospettiti i carabinieri lo inseguirono lungo tutta la Domiziana. Un folle inseguimento che si concluse in località Pescopagano dopo che Valerio Di Meo facendo ritorno in quella località ed imboccando la prima rotonda lasció per strada l'auto fuggendo per la fitta vegetazione. Mentre fuggiva dai carabinieri in prossimità di un fossato gettò un involucro di cellophane termosaldato all'estremità contenente 100 grammi di cocaina ed un telefono cellulare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Raggiunto dai carabinieri venne tratto in arresto ed il materiale di cui cercava di disfarsi nella fuga, ritrovato e sequestrato. A seguito di perquisizione domiciliare i carabinieri del Norm hanno ritrovato la somma di 2. 260,00 euro all'interno di un cofanetto posizionato sul comodino. In quella stessa abitazione dove vennero ritrovati oltre 75mila euro, gli attrezzi del mestriere per lo spaccio e dove si trova in regime di detenzione domiciliare il fratello Vincenzo poiché ritrovato in possesso di 103 grammi di cocaina nascosta negli slip. Per Valerio Di Meo la detenzione domiciliare sarà da scontaarsi a casa dello zio materno a Mondragone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SPECIALE REGIONALI E' ufficiale: Grimaldi eletto. Nel nuovo consiglio regionale ben 5 uscenti

  • SPECIALE MARCIANISE Abbate sfiora i 9mila voti, Velardi a contatto. Alessandro Tartaglione all11%

  • I contagi aumentano ancora. Caserta supera Aversa: è la città con più positivi

  • Terremoto a 24 ore dalle elezioni. Candidato sindaco indagato per voto di scambio: "Accuse da mitomani"

  • SPECIALE SANTA MARIA A VICO Tutti i voti e i nuovi consiglieri comunali

  • SPECIALE ELEZIONI Graziano trascina il Pd ad Aversa. De Cristofaro supera i 1900 voti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento