Natale blindato nel casertano: controlli in borghese su negozi e "furbetti"

Imponente servizio d'ordine dalla Vigilia ai giorni a seguire. Brindisi illegali ed assembramenti nel mirino

Assembramenti nel mirino

Il rispetto delle regole della zona rossa con particolare attenzione agli assembramenti per i quali è prevista tolleranza zero. Sarà una vigilia di Natale di controlli da parte delle forze dell'ordine sull'intero territorio casertano con i presidi che proseguiranno in maniera massiccia anche nei giorni successivi.

Servizi in borghese anti-assembramenti

Un servizio imponente, quello previsto nel Capoluogo ed in altre grandi comuni di Terra di Lavoro e coordinato dalla Questura di Caserta, con servizi in divisa per far avvertitre la presenza in possibili zone calde, ma anche in borghese per prevenire assembramenti e la chiusura delle attività vietate. Insomma, l'obiettivo dichiarato è quello di evitare che il rispetto delle regole e delle limitazioni imposte da ordinanze e decreti del Governo non venga percepita come una beffa a causa dell'atteggiamento di pochi furbi.

Brindisi vietati

Comunque sia, i controlli si concentreranno per l'intero arco della giornata della Vigilia con un impiego maggiore di uomini in divisa - polizia, carabinieri, guardia di finanza e vigili urbani - previsto nelle ore pomeridiane e serali. Altra cosa da evitare è il consumo di bevande, magari acquistate nei supermercati, in strada con gli amici. In altre parole i brindisi su suolo pubblico sono vietati e chi verrà beccato rischia una multa pesante.

Gli spostamenti

Per quanto riguarda, infine, gli spostamenti restano consentiti quelli per un massimo di due persone per recarsi a casa di parenti. I controlli in tal senso mireranno principalmente al rispetto di misure come l'obbligo di rientro alle 22. 

Magliocca: "Tempo di fidarsi dei cittadini"

"Basta con la logica punitiva, è il tempo della responsabilità, è il tempo di fidarsi dei cittadini". Lo ha affermato in una nota Giorgio Magliocca, presidente della Provincia di Caserta: "Si lavori ad una apertura generalizzata di tutte le attività commerciali e dei servizi garantendo, al contempo, la fruizione di questi spazi solo ai cittadini che siano risultati negativi ad un tampone effettuato non più di cinque giorni prima. Ogni cittadino che intenda riprendere, senza divieti e limitazioni, la propria quotidianità sia libero di farlo dimostrando la negatività del tampone effettuato presso i centri di analisi pubblici e privati e comunque a totale copertura del Servizio Sanitario. L'unica certificazione sia quella medica e si riparta". Quindi ha concluso: "E' la strada per consentire un ritorno alla normalità, una ripresa delle economie del quotidiano. E' la strada per superare la strisciante conflittualità sociale che provocherà danni irreparabili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato il dj Joseph Capriati: il padre arrestato per tentato omicidio

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Joseph Capriati operato in ospedale. Ricostruita la lite in casa col padre

  • Caserta in ansia per Joseph Capriati, il dj più famoso da Ibiza agli Usa

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

Torna su
CasertaNews è in caricamento