Movida sul litorale, arrestato dai carabinieri sulla Domiziana

Il 40enne girava in auto in regime di semi libertà. Nei controlli 3 auto sequestrate e 3 denunce per droga

Il servizio di controllo della movida nelle zona balneare tra il Comune di Cellole, Baia Domizia e Sessa Aurunca organizzato dalla compagnia carabinieri di Sessa Aurunca ha portato i suoi frutti. 

In manette è finito D.G.S.E., 40enne domiciliato a Mondragone, che in regime di semi libertà a bordo della sua Volkswagen Golf con targa bulgara, fermato per un controllo sulla statale Domiziana, ha fornito false generalità ai militari che a seguito di accertamenti hanno scoperto che l'uomo era alla guida con patente revocata. L'autorità giudiziaria ha revocato la misura della semi libertà e D.G.S.E. è stato associato alla casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. 

Denunciati all'autorità giudiziaria 3 giovani per possesso di sostanze stupefacenti per uso personale ed un uomo che ha rifiutato di sottoporsi al test con etilometro. Le 12 pattuglie dei carabinieri dislocate sul territorio hanno portato al sequestro di 3 veicoli per mancanza di assicurazione e di revisione ed all'elevazione di 4 contravvenzioni al codice della strada per un importo di qualche migliaia di euro.

Potrebbe interessarti

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Frutta e verdura: non tutte fanno dimagrire! Ecco quali scegliere per perdere peso velocemente

  • Selfie e palleggi con i tifosi, Mertens show sulla spiaggia di Castel Volturno

I più letti della settimana

  • TERREMOTO Trema la terra, terza scossa in poche ore

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • "Preghiamo insieme per Giovanni ed Ilenia", gli amici si ritrovano in ospedale

  • Un generale dei carabinieri nel Comune guidato dal commissario

  • Terremoto, attivato il piano di emergenza comunale

Torna su
CasertaNews è in caricamento