Espulso dall'Italia già due volte, beccato dai carabinieri sull'Audi

Il 28enne albanese arrestato dai militari duranti un servizio di controllo del territorio

Nell'ambito dei servizi di controllo del territorio volti al contrasto dei furti, i carabinieri di Presenzano e l'Aliquota Radiomobile dei carabinieri di Sessa Aurunca ieri sera fermavano due individui a bordo della loro Audi.

Insospettiti dalla posizione del veicolo nei pressi nella campagna circostante il tabacchificio di Presenzano e dalle fuorvianti dichiarazioni rese dai fermati, i militari hanno condotto i   due sospetti in caserma per i relativi accertamenti. Identificati i due individui di nazionalità albanese dopo un approfondito controllo mediante impronte digitali, i militari hanno scoperto che uno di loro, il 23enne Aranit Kaza, risultava espulso dal territorio italiano nel 2015 e nel 2017 mediante accompagnamento alle frontiere marine, a nulla valendo il tentativo di rientrare in Italia indicando sul passaporto il cognome della moglie. Arrestato per illegale reingresso reiterato sul territorio italiano, attualmente si trova in camera di sicurezza presso i carabinieri di Presenzano in attesa del giudizio per direttissima stamane presso la Procura di Cassino.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

  • Traffico in tilt all'uscita di Caserta Sud

Torna su
CasertaNews è in caricamento