rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cronaca Aversa

Contrabbando di sigarette, obbligo di dimora per un 36enne

In 4 mesi avrebbe smerciato circa un chilo e mezzo di bionde

Salvatore Pinto, 36 anni, residente a Grumo Nevano ma di origini normanne, è stato sottoposto a misura cautelare dal giudice Vincenzo Saladino del Tribunale di Napoli Nord. L'ordinanza riguarda un'accusa di contrabbando di sigarette, secondo quanto emerso dalle indagini condotte dalle Fiamme Gialle di Aversa. Si ritiene che Pinto abbia commesso il reato tra Orta di Atella e Frattaminore, dove avrebbe detenuto e venduto clandestinamente quasi un chilo e mezzo di tabacchi lavorati esteri tra novembre 2023 e il 26 marzo scorso.

Assistito dall'avvocato Mirella Baldascino, Pinto è accusato dalla Procura di Napoli Nord di contrabbando, introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi e ricettazione. La condotta di ricettazione è stata motivata dal fatto che si ritiene che Pinto fosse consapevole dell'origine illecita delle sigarette mentre le commerciava.

L'ordinanza è stata emessa dopo che i finanzieri lo hanno trovato in possesso di tabacchi lavorati esterni in cinque episodi distinti. Il giudice ha imposto a Pinto l'obbligo di dimora a Grumo Nevano e di presentarsi alla stazione dei carabinieri locale per firmare sei giorni alla settimana.

Va sottolineato che Pinto è considerato innocente fino a una eventuale sentenza di condanna irrevocabile. Nei prossimi giorni, affronterà l'interrogatorio di garanzia con il giudice Saladino, durante il quale avrà l'opportunità di rispondere alle domande poste nei suoi confronti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contrabbando di sigarette, obbligo di dimora per un 36enne

CasertaNews è in caricamento