Confiscati beni per 300mila euro alla famiglia Marciano

Svolta nelle indagini dopo tre condanne in abbreviato

La Guardia di Finanza di Marcianise ha eseguito la confisca di beni per un valore di circa 300.000 euro disposta dal Tribunale di Napoli nei confronti di due prestanomi della famiglia Marciano di Maddaloni, imprenditori affiliati al “clan Belforte – fazione di Maddaloni”, operanti nel settore della gestione di slot machine.

La maxi inchiesta sulle slot

Il provvedimento fa seguito al sequestro già operato a maggio 2018, quando le Fiamme Gialle avevano eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 11 soggetti, emersi dalle indagini come responsabili, a vario titolo, dei reati di estorsione, trasferimento fraudolento di beni e illecita concorrenza con minaccia o violenza, tutti aggravati dall’utilizzo del “metodo mafioso”. Nel corso delle indagini, era infatti emerso che la famiglia Marcianise, già colpita da una misura di prevenzione, era riuscita a imporre nuovamente agli esercizi pubblici di Maddaloni e dei Comuni limitrofi l’installazione delle slot machine attraverso due ditte individuali intestate a soggetti loro prestanome. Nell’occasione venivano materialmente rimosse da una ventina di esercizi pubblici 127 slot costituenti il patrimonio aziendale delle ditte in questione, così come un autoveicolo di grossa cilindrata acquistato con i proventi delle attività criminose eseguite dal clan.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tre condannati con l'abbreviato

Ora, all’esito del rito abbreviato richiesto da 4 imputati, il Giudice per le Indagini Preliminari di Napoli ne ha riconosciuti colpevoli 3 di loro per alcuni dei reati loro ascritti, condannandoli alla pena della reclusione da 2 a 4 anni e disponendo nel contempo la confisca delle due ditte individuali e dell’autovettura già cautelate, che vengono così sottratte definitivamente all’organizzazione criminale. L’attività odierna rappresenta un’ulteriore conferma dell’insidiosità dei metodi di infiltrazione criminale nel tessuto economico e dell’importanza dell’azione di recupero alla collettività dei patrimoni illecitamente accumulati dalla criminalità organizzata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio nel cuore di Caserta: uccide la mamma poi si costituisce

  • L'omicidio del corso: Rubina uccisa dal figlio a coltellate nella notte

  • Sparatoria alla Bnl, fermata la banda di rapinatori

  • Zagaria intercettato in carcere dopo aver chiesto una detenzione 'più soft' al capo del Dap

  • Cena finisce in tragedia: uccide l’amico con una coltellata al petto

  • Mamma uccisa, il coltello comprato da Eduardo pochi giorni prima

Torna su
CasertaNews è in caricamento