Cannabis light, confermato il sequestro di 3 negozi

Per il gip c'è "l’astratta sussistenza dell’ipotesi criminosa" contestata dalla Procura

Il negozio di cannabis light di via Gemito sequestrato

Non arrivano buone notizie per i gestori dei tre negozi in cui veniva vendita la Cannabis light a Caserta città e che sono stati sequestrati, con provvedimento d’urgenza emesso venerdì scorso dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

S'INCATENA DAVANTI AL NEGOZIO SEQUESTRATO DALLA PROCURA I VIDEO

Mentre uno dei gestori ha iniziato una protesta, incatenandosi davanti al negozio in via Gemito, il gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, “ritenuta l’astratta sussistenza dell’ipotesi criminosa (coltivazione e messa in vendita di sostanza stupefacente e psicotrope) contestata dalla Procura, atteso che gli esercizi commerciali avevano ad oggetto la vendita di prodotti derivanti dalla cannabis sativa light, convalidava il sequestro eseguito d’urgenza dei locali, ove veniva esercitata l’attività commerciale e disponeva il sequestro preventivo degli stessi”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento