rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca

Droga spacciata anche nel bar, 7 condanne

In Appello sconto di pena solo per Esposito e Cestrone

Otto condanne sono state emesse dalla Prima sezione della Corte d’Appello di Napoli nell’ambito del procedimento penale a carico di altrettanti imputati accusarti di spaccio di droga.

I giudici hanno Antonio Capitelli, 40 anni di Santa Maria Capua Vetere, ad un anno; 9 mesi per Paolo Crisci, 33 anni di Santa Maria Capua Vetere; 1 anno e 4 mesi per Antonio Esposito, 28 anni di Caivano; 1 anno e 4 mesi per Nicola Fiano, 30 anni di Casagiove; 9 mesi per Pietro Martucci, 33 anni di Curti. Gli unici sconti di pena hanno riguardato Stefano Esposito, 30 anni di Caserta, difeso dall'avvocato Nicola Russo, che si è visto togliere sei mesi dalla pena in primo grado (1 anno e 4 mesi), e Giovanni Cestrone, 26 anni di San Prisco, che è stato condannato a 4 mesi. Nel collegio difensivo sono stati impegnati gli avvocati Nello Sgambato, Angelo Raucci, Giuseppe Stellato, Carmine D'Onofrio, Massimo Garofalo, Michele Di Fraia, Fioravante De Rosa e Davide Farina. 

In primo grado era caduta l’accusa di associazione a delinquere che aveva spinto la Dda a chiedere pene molto più pesanti. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti lo stupefacente veniva fornito dal gruppo Vasapollo, articolazione del clan Sautto Ciccarelli di Caivano, attraverso Antonio e Stefano Esposito e veniva poi venduto nelle piazze di spaccio tra Caserta e Casagiove gestite da Nicola Fiano e Pietro Martucci, ritenuti a capo del sodalizio dedito allo spaccio di droga. Tra i luoghi dove la droga, hashish e cocaina, veniva spacciata c'era anche un bar che per un periodo è stato gestito dallo stesso Fiano. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga spacciata anche nel bar, 7 condanne

CasertaNews è in caricamento