Pugni all’ex consigliere comunale, condannato commerciante

L'aggressione per futili motivi è costata la condanna al titolare di un negozio nel centro commerciale

Aveva aggredito un ex consigliere comunale e per questo è stato condannato. È la decisione nei riguardi di Antonio C., commerciante 38enne di Castel Volturno e titolare di un rinomato negozio in un centro commerciale della città, che ha rimediato una condanna alla pena pecuniaria ed al risarcimento dei danni in sede civile inflittagli dal giudice del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere Pietro Fusaro per le lesioni procurate a Giuseppe Gravante, 60enne castellano. La vittima si era costituito parte civile con l’avvocato Raffaele Crisileo, le cui ragioni sono state accolte dal giudice. 

I fatti rileggono a circa tre anni fa, quando in una tabaccheria del litorale domizio Gravante si vide sferrare al volto, per futili motivi, un pugno da Antonio C.. Per le conseguenze dell’aggressione Gravante subì un trauma facciale e dovette ricorrere alle cure dei sanitari della clinica Pineta Grande, che gli dettero 7 giorni di prognosi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

  • Traffico in tilt all'uscita di Caserta Sud

Torna su
CasertaNews è in caricamento