Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Cocaina negli slip, il nipote del boss finisce ai domiciliari

Il Gip convalida l'arresto per il 27enne Vincenzo Di Meo

(foto di repertorio)

Convalidato l'arresto per Vincenzo Di Meo 27enne mondragonese, nipote del boss Giuseppe Fragnoli arrestato lo scorso venerdì per detenzione illecita e traffico di sostanze stupefacenti dai carabinieri del Reparto Territoriale di Mondragone. Contestualmente il Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere Rosaria Dello Stritto ha disposto per il 27enne mondragonese, difeso dagli avvocati Ferdinando Letizia e Edmondo Caterina, la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Vincenzo Di Meo, di professione guardia giurata, è stato trovato in possesso di 103 grammi di cocaina contenuta in un involucro di cellophane termosaldato nascosto negli slip. La scoperta è stata fatta dopo che i carabinieri, notandolo sfrecciare a bordo del proprio scooter in via Castel Volturno a Mondragone, si sono insospettiti ed identificato poco prima che ricasasse hanno percepito il nervosismo del giovane che cercava di divincolarsi. Atteggiamento che ha insospettito ancor più i militari dell'Arma tanto da procedere a perquisizione personale e poi domiciliare.

Durante l'ispezione presso il domicilio di Vincenzo Di Meo sono stati trovati nascoste in camera da letto vari quantitatiti di cocaina ed eroina 'sporzionata' in apposite 'bustine di cellophane', un bilancino di precisione, forbici con tracce di stupefacente occultate in uno zaino di colore scuro, telefoni cellulari nascosti nell'incavo di una mensola, banconote di piccolo taglie contenute in vari portafogli, per un valore complessivo di circa 5.000 euro. Tra vecchi libri e quaderni all'interno di una busta di plastica c'erano circa 70.000 euro. Somma suddivisa in banconote di piccolo taglio. Tutto il materiale rinvenuto è stato posto sotto sequestro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cocaina negli slip, il nipote del boss finisce ai domiciliari

CasertaNews è in caricamento