menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La sentenza pronunciata al tribunale di Santa Maria Capua Vetere

La sentenza pronunciata al tribunale di Santa Maria Capua Vetere

Coca ed ecstasy all'università: 11 assoluzioni e 5 condanne 'soft'

La sentenza smonta le tesi della Procura che aveva chiesto complessivamente quasi due secoli di carcere

Quattro condanne, con pene notevolmente ridotte rispetto alle richieste della Procura, e 12 assoluzioni nel processo a carico di 16 persone accusate di far parte, con vari ruoli, di un'associazione dedita allo spaccio di droga, cocaina ed ectasy, ed operativa tra Caserta, Napoli e l'università La Sapienza di Roma. 

Il collegio presieduto dal giudice Francica del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha condannato Vincenzo Frenna, di Melito, a 5 anni e 8 mesi (il pm ne aveva invocati 30); Gaetano Giordano, di Pomigliano d'Arco, a 3 anni e 8 mesi (richiesti 14 anni); Ferdinando Desiderio e Mariarosaria Palladino, entrambi di Casoria, a 3 anni e 4 mesi a testa. Condannato anche Mariano Galasso a 5 anni e 6 mesi La condanna è arrivata per un solo capo d'imputazione che li vedeva coinvolti insieme. 

Assolti Gianluca Tassinari, 37 anni di Capua; Pietro Nasta, 37 anni di Caserta; Vincenzo Pezzulo, 42 anni di Vitulazio; Angelo Filosa, 56 anni di Mondragone; Paolo Cinquegrana, 55 anni di Mondragone; Vincenzo Golino; Mario Scognamiglio di Castel Volturno; Antonio Romano di Castel Volturno; Vitale Ambra, di Pozzuoli; Enzo Di Gennaro di Castel Volturno; Luigi Gagliardi di Bellona. 

Secondo l'accusa gli imputati avrebbero dato vita ad un'associazione dedita allo spaccio di hashish, cocaina ma anche ecstasy con un carico da mezzo chilo intercettato durante le indagini in direzione Roma. Il pm aveva chiesto complessivamente 197 anni di carcere, quasi due anni. La pena più alta era stata invocata per Frenna, ritenuto a capo della banda. Il processo, però, ha mostrato un suo ruolo più marginale con una pena decisamente ridotta. 

Accolte in toto le tesi del collegio difensivo in cui sono stati impegnati, tra gli altri, gli avvocati Domenico Dello Iacono, Nunzia Amoroso, Franco Nardiello, Mirella Baldascino e Luca Tornatora.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Mille “furgoni lumaca” in autostrada contro le chiusure

  • Cronaca

    Nuovi 228 positivi scoperti nel casertano. Morti 3 pazienti

  • Attualità

    Senatore casertano positivo al coronavirus

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento