Cronaca Castel Volturno

PRESO CIRILLO Il latitante ha provato a scappare dal balcone

Blitz congiunto di carabinieri e polizia nel covo dove si nascondeva

Quando ha visto i carabinieri e la polizia fare irruzione nel covo, in un'abitazione di Acerra, Francesco Cirillo, alias Cosciafina, ha tentato la fuga arrampicandosi sulla facciata di un palazzo e raggiungendo il terrazzo di un'altra abitazione dove è stato raggiunto e bloccato.

Si è conclusa così la fuga di Cirillo, arrestato nel corso di un blitz congiunto da parte dei carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Caserta e degli agenti di polizia della Squadra Mobile di Caserta e del commissariato di Santa Maria Capua Vetere.

Era ricercato dal 20 novembre scorso quando era stato condannato in via definitiva a 30 anni per l'omicidio dell'imprenditore Domenico Noviello, ucciso a Castel Volturno il 16 maggio del 2008 ad opera del gruppo di fuoco del clan dei Casalesi guidato da Giuseppe Setola

“Un ringraziamento sentito alle forze dell'ordine che hanno individuato e arrestato il latitante Francesco Cirillo, condannato in via definitiva e riconosciuto tra gli organizzatori dell'omicidio di Domenco Noviello. L'imprenditore denunciò il racket delle estorsione e fu ucciso il 16 maggio 2008, a Baia Verde a Castel Volturno nel Casertano dal gruppo di fuoco della camorra casalese. Siamo vicini ai familiari e a tutto il mondo dell'associazionismo antimafia che opera per affermare i valori della legalità e della giustizia. Domenico Noviello è un simbolo di chi non si piega alla camorra e che si batte per il cambiamento”. Lo dichiara il senatore Sandro Ruotolo del Gruppo Misto che sulla vicenda ha presentato, la settimana scorsa,una interrogazione rivolta al ministro dell'Interno.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PRESO CIRILLO Il latitante ha provato a scappare dal balcone

CasertaNews è in caricamento