Cimitero trasformato in discarica, l'ex sindaco a processo

Carusone risponde alle domande del giudice. Alla sbarra anche il dirigente ed il custode

L'ex sindaco Antonio Carusone

Il cimitero trasformato in una discarica. Per questo motivo sono finiti sotto processo l'ex sindaco di Pontelatone Antonio Carusone, il dirigente dell'ufficio tecnico Raffaele Marra ed il custode del cimitero. 

Stamattina in aula, dinanzi al giudice monocratico Maisto del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, è stata la volta proprio dell'ex primo cittadino che si è difeso dalle accuse delineando a vicenda da un punto di vista amministrativo. Il processo è stato poi rinviato alla fine di gennaio per la requisitoria del pubblico ministero.

Secondo l'accusa i tre sarebbero responsabili, a vario titolo, del deposito incontrollato di materiali di risulta derivanti da "attività di estumulazione (resti di bare in legno, avanzi di indumenti, imbottiture, lapidi, oggetto di arredo sacro) e da demolizioni edili (calcinacci, mattoni, tegole) in un quantitativo superiore ai 30 metri cubi".

Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Paolo Di Furia, Emilio Russo e Nadia De Marco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sevizie dopo le proposte in chat, la 'sorpresa' su viale Carlo III: ecco come ha agito la baby gang

Torna su
CasertaNews è in caricamento