Cimitero trasformato in discarica, l'ex sindaco a processo

Carusone risponde alle domande del giudice. Alla sbarra anche il dirigente ed il custode

L'ex sindaco Antonio Carusone

Il cimitero trasformato in una discarica. Per questo motivo sono finiti sotto processo l'ex sindaco di Pontelatone Antonio Carusone, il dirigente dell'ufficio tecnico Raffaele Marra ed il custode del cimitero. 

Stamattina in aula, dinanzi al giudice monocratico Maisto del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, è stata la volta proprio dell'ex primo cittadino che si è difeso dalle accuse delineando a vicenda da un punto di vista amministrativo. Il processo è stato poi rinviato alla fine di gennaio per la requisitoria del pubblico ministero.

Secondo l'accusa i tre sarebbero responsabili, a vario titolo, del deposito incontrollato di materiali di risulta derivanti da "attività di estumulazione (resti di bare in legno, avanzi di indumenti, imbottiture, lapidi, oggetto di arredo sacro) e da demolizioni edili (calcinacci, mattoni, tegole) in un quantitativo superiore ai 30 metri cubi".

Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Paolo Di Furia, Emilio Russo e Nadia De Marco.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento