Chiedono pizzo a titolare di un supermercato: in cella reggente del clan Piccolo-Letizia e un complice

Marcianise - Sono accusati avere chiesto un pizzo da duemila euro al titolare di un supermercato di Marcianise (Caserta): gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Caserta hanno notificato due ordinanze cautelari a Primo Letizia, 32 anni...

polizia auto

Sono accusati avere chiesto un pizzo da duemila euro al titolare di un supermercato di Marcianise (Caserta): gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Caserta hanno notificato due ordinanze cautelari a Primo Letizia, 32 anni, pregiudicato, secondo gli investigatori reggente dell'omonimo clan di Marcianise e a Generoso Di Sivo, 33 anni, pregiudicato, già detenuto per rapina. Sono accusati di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Secondo quanto emerso dalle indagini, nel settembre del 2015, avrebbero chiesto all'imprenditore di "andare a prendere il caffè da Letizia Primo". Il titolare del supermercato si rifiutò e, a questo punto, la richiesta estorsiva venne formulata in maniera più esplicita: duemila euro per le festività di Natale, Pasqua e Ferragosto.

Primo Letizia, ricorda il procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli, è ritenuto l'attuale reggente del clan Piccolo-Letizia ed è figlio di Biagio e Giovanna Breda, assassinati il 10 aprile 1997 nell'ambito di una faida interna al clan Belforte, a seguito della quale il gruppo Letizia passò nelle fila del clan Piccolo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
CasertaNews è in caricamento