rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca Santa Maria Capua Vetere

Cellulare nel bagno del carcere, assolto detenuto

Nel telefono mancava la sim e quindi non era utilizzabile per comunicare con l'esterno

Un telefono cellulare trovato nel bagno di una cella nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Per questo era stato tratto in giudizio un detenuto, Valerio Iossa. Il giudice Zullo, all'esito del processo celebrato con rito abbreviato, lo ha assolto. 

Accolte le argomentazioni del difensore dell'imputato, l'avvocato Salvatore Piccolo, che ha evidenziato come il telefono non fosse corredato di scheda sim e quindi inutilizzabile per comunicazioni con l'esterno del penitenziario. Inoltre, ha ribadito il difensore, il bagno dove è stato trovato il cellulare era di pertinenza comune con altri detenuti e quindi non vi erano prove che la proprietà o l'utilizzo fossero riconducibili a Iossa. 

Questioni che hanno fatto breccia nel giudice Zullo, del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, che ha assolto l'imputato con formula piena. Per la stessa vicenda vennero indagati altri tre detenuti le cui posizioni sono state stralciate. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cellulare nel bagno del carcere, assolto detenuto

CasertaNews è in caricamento