La Cassazione annulla la condanna per camorra per imprenditore

Pontillo aveva incassato 12 anni in primo grado e 5 nel secondo grado di giudizio. Gli atti tornano in Appello

Angelo Pontillo

La Corte di Cassazione annulla la condanna pronunciata dalla Corte d'Appello nei confronti di Angelo Pontillo, imprenditore del settore del calcestruzzo di Capodrise. 

I giudici della Suprema Corte hanno accolto l'istanza dell'avvocato difensore Pasquale Acconcia e disposto il rinvio degli atti alla Corte d'Appello che dovrà ripronunciarsi sul caso dopo la precedente sentenza di condanna. 

Pontillo, infatti, era stato condannato in primo grado a 12 anni e 8 mesi, pena poi più che dimezzata in Appello quando l'imprenditore è stato condannato a 5 anni e mezzo. Adesso la Cassazione ha annullato con il processo che, quindi, tornerà in Appello.

Secondo gli inquirenti Pontillo attraverso la Cocem srl, azienda produttrice di calcestruzzo, avrebbe favorito il clan Belforte, venendo a sua volta favorito rispetto alla concorrenza, segnalando i cantieri che venivano aperti sul territorio in guisa da consentire l'attività estorsiva, o provvedendo direttamente al ritiro delle somme estorte agli imprenditori del settore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Schianto tra auto e camion sulla statale: ferita 27enne | FOTO

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Ragazza investita dal treno merci mentre è sui binari

Torna su
CasertaNews è in caricamento