Cronaca Castel Volturno

Due amici casertani arrestati in Germania con carte di credito contraffatte

Prendevano a noleggio delle auto di grossa cilindrata e poi facevano ritorno alla guida delle fuoriserie in Italia

Due giovani (M.F di 30 anni e L.S. di 34 anni, entrambi dell’hinterland di Castel Volturno) sono stati arrestati nei giorni scorsi dalla polizia tedesca a Monaco di Baviera: le accuse sono di appropriazione indebita e riciclaggio.

In pratica i due si munivano di carte di identità e carte di credito contraffatte e, una volta giunti in treno nella capitale della Baviera, prendevano a noleggio delle auto di grossa cilindrata e poi facevano ritorno alla guida delle fuoriserie in Italia dove gli autoveicoli venivano modificati nei numeri di telaio e nei documenti di circolazione.

Secondo gli inquirenti tedeschi l’operazione delittuosa era stata compiuta nel passato diverse volte anche da altre persone per cui si era formata una vera e propria associazione per delinquere ma il personale addetto non si era mai accorto di nulla.

Questa volta, però, le cose non sono andate per il verso giusto. Il proprietario dell’autonoleggio tedesco avendo dei sospetti ha chiamato la polizia locale; i militari hanno riscontrato che i documenti e le carte di credito dei due italiani erano contraffatte e li ha arrestati conducendoli nel carcere di massima sicurezza di Monaco di Baviera (lo stesso penitenziario dove fu detenuto Hitler) e dove tuttora si trovano in attesa dell’udienza di convalida o del giudizio direttissimo.

Dopo di che sono state avvertite da parte degli inquirenti le autorità consolari italiane presenti a Monaco di Baviera che hanno reso edotto di quanto avvenuto le famiglie dei due giovani italiani arrestati che hanno interpellato il loro legale l’avvocato Raffaele Crisileo che opererà in sintonia con il suo omologo tedesco e l’avvocato Markus Meissner.

La storia si ripete ed é vero che esistono i corsi e ricorsi storici. Venti anni fa l’avvocato Crisileo affrontò un caso simile, ma a Francoforte avvenuto sempre con le stesse modalità. I due giovani arrestati di allora erano anch’essi di Castel Volturno e dopo diversi giorni di detenzione vennero scarcerati dal giudice tedesco dietro pagamento del loro legale di una congrua cauzione. Anch’essi operavano con le stesse modalità con cui hanno operato di due giovani italiani M.F di 30 anni e L.S. di 34 anni dell’hinterland castellano arrestati qualche giorno fa nello stato tedesco. L’istituto della cauzione che esiste in Germania e in altri Stati non é previsto in Italia. Anche questa volta i difensori gli avvocati Crisileo e Messner dei due giovani castellani dell’hinterland castellano quasi sicuramente faranno ricorso a questo rimedio giudiziario per scarcerare i loro assistiti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due amici casertani arrestati in Germania con carte di credito contraffatte

CasertaNews è in caricamento