rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Cronaca Casal di Principe

Casalesi in Veneto, Schiavone jr tra i testimoni della difesa

Mossa a sorpresa degli avvocati che chiamano il figlio di Sandokan in aula

Volge ormai verso la fine la lista dei testimoni chiamati dalla Dda a fornire la propria conoscenza sulla cellula del clan dei Casalesi nel Nord Est. Poi si comincerà con quelli chiamati dalle difese e negli elenchi depositati dai difensori alla Corte presieduta dal giudice Stefano Manduzio c'è anche Nicola Schiavone, il figlio di Sandokan divenuto collaboratore di giustizia. 

Schiavone - capoclan per eredità fino al suo arresto avvenuto nel 2010 - avrebbe incontrato Luciano Donadio e Raffaele Buonanno, ritenuti a capo del clan veneto, nel 2005 in un bar per discutere di affari. Questo, almeno, quanto riferito da alcuni collaboratori di giustizia. E ora Schiavone jr dovrà confermare o smentire questo racconto. 

Nel corso del processo sono stati già ascoltati già due collaboratori dei Casalesi, Salvatore Laiso e Roberto Vargas. Il primo ha parlato di scambi di armi e di un rapporto personale con Donadio e Buonanno (al punto che entrambi avrebbero partecipato al funerale del fratello Crescenzo, ucciso dal clan a Villa di Briano) mentre Vargas, elemento apicale, ha riferito di non conoscere gli imputati veneziani: "Questi nomi non mi dicono nulla", aveva detto. Il processo riprenderà a metà novembre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casalesi in Veneto, Schiavone jr tra i testimoni della difesa

CasertaNews è in caricamento