rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca Casapesenna

Imprenditore vicino a Zagaria, svolta in Cassazione per il "biondo"

Annullato il verdetto del Riesame di conferma dell'ordinanza cautelare: accuse datate. E' il terzo provvedimento della Suprema Corte

Elementi investigativi vecchi di più di 10 anni e già vagliati nel procedimento fiorentino con l'annullamento dell'aggravante camorristica. La Corte di Cassazione ha annullato il provvedimento del Riesame con cui era stata confermata la custodia cautelare in carcere per Giuseppe Diana, alias il Biondo, imprenditore ritenuto dagli inquirenti della Dda vicino al capo dei capi Michele Zagaria. 

La Suprema Corte - accogliendo il ricorso presentato dagli avvocati Guido Diana e Sabato Graziano - ha disposto il rinvio degli atti ad una nuova sezione del Riesame di Napoli che ora dovrà rivalutare il caso. Tra le inchieste di Firenze - in cui è accusato di riciclaggio - e quella di Napoli - con l'accusa di partecipazione al clan dei Casalesi - è la terza volta che la Cassazione ritiene fondate le eccezioni difensive. I difensori di Diana hanno fondato il loro ricorso sul fatto che il Riesame valorizzasse elementi investigativi datati, a tutto voler concedere, al 2011, e già ritenuti insufficienti nel 2015 da un precedente giudicato del Riesame di Napoli e annullati, in relazione all' aggravante camorristica, anche nel processo fiorentino in corso di svolgimento. 

A novembre scorso Diana venne arrestato al termine di un'indagine della Dda di Napoli che aveva coperto 11 anni, dal 2009 al 2020. Secondo gli inquirenti della Dda, Diana, giovanissimo, entrò nel cerchio magico delle persone di stretta fiducia del boss Zagaria, all'epoca latitante. Da 'gregario' Diana sarebbe stato protagonista di una rapida ascesa, favorita anche dal matrimonio con la figlia di Elvira Zagaria, sorella del capoclan. A quel punto si sarebbe ripulito, costituendo un'impresa edile che rapidamente ottiene appalti in Toscana ed Emilia Romagna. Per i collaboratori di giustizia Diana avrebbe ripulito i soldi del clan con le sue attività edilizie. Fatti per cui è a processo con abbreviato, con l'udienza fissata fra qualche giorno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprenditore vicino a Zagaria, svolta in Cassazione per il "biondo"

CasertaNews è in caricamento