Carcere, arrivano i rinforzi dopo la rivolta: inviati 100 agenti

I segretari regionali campani di Osapp: "Le difficoltà operative permangono poiché la mancanza di personale è cronica"

Circa 100 uomini del Gom, Gruppo operativo mobile della Polizia penitenziaria, sono stati inviati al carcere di Santa Maria Capua Vetere dopo l'accesissima rivolta inscenata da parte di una cinquantina di detenuti che hanno preso il controllo del reparto Danubio per alcune ore. Lo fa sapere il sindacato autonomo di polizia penitenziaria Osapp.

Secondo quanto riferito dall'AdnKronos, nella serata di ieri (sabato 13 giugno) si sono recati al carcere sammaritano anche il capo del Dap, Bernardo Petralia, che con il vice capo Roberto Tartaglia ha incontrato il provveditore della Campania Antonio Fullone, la direttrice del carcere Elisabetta Palmieri, il capo del Gom generale Mauro D'Amico e il comandante di reparto Gaetano Manganelli. Intorno alle 23 Petralia e Tartaglia hanno incontrato l'agente della polizia penitenziaria, ferito ieri da un detenuto: Petralia e Tartaglia si sono recati nell'abitazione dell'agente, da poco dimesso dall'ospedale dove era stato curato per i violenti colpi ricevuti alla testa durante l'aggressione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i segretari regionali campani di Osapp Vincenzo Palmieri e Luigi Castaldo "le difficoltà operative permangono poiché la mancanza di personale è cronica e si fa sentire a discapito della sicurezza di tutti". Secondo Palmieri e Castaldo "la polizia penitenziaria va dotata di appositi strumenti: taser, telecamere individuali di servizio negli eventi critici, jammer e altra strumentazione strategica per rendere trasparente l'operato del personale di polizia penitenziaria che spesso viene messo in discussione per una remunerazione che dà appena diritto alla sopravvivenza e rende maggiormente difficile la propria tutela legale. Ma tutto questo - concludono - da tempo è stato già richiesto e segnalato a una politica che si è dimostrata sorda e distratta. Il Governo deve tempestivamente intervenire in merito affinché sia riportato un clima lavorativo sereno, disciplinato e sicuro, anche con l'istituzione della Direzione generale della Polizia penitenziaria con al vertice un capo del Corpo di Polizia penitenziaria appartenente ad esso, come lo è per la Polizia di Stato, con autonomia gestionale e responsabilità sulla sicurezza e tutela del personale e dei ristretti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SPECIALE REGIONALI E' ufficiale: Grimaldi eletto. Nel nuovo consiglio regionale ben 5 uscenti

  • SPECIALE MARCIANISE Abbate sfiora i 9mila voti, Velardi a contatto. Alessandro Tartaglione all11%

  • SPECIALE MARCIANISE Moretta super con 1164 preferenze: cinque donne tra i candidati più votati

  • Maresciallo dei carabinieri investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato 21enne

  • SPECIALE SANTA MARIA A VICO Tutti i voti e i nuovi consiglieri comunali

  • I contagi aumentano ancora. Caserta supera Aversa: è la città con più positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento