rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Maddaloni

“Vi spacco la testa”. Calci e pugni nella caserma contro i carabinieri

Il 45enne arrestato ha minacciato i militari perchè arrivato in ritardo all'obbligo di firma

“Ti ho detto che devi segnare un altro orario! Vi spacco la testa, non siete nessuno, fatemi vedere cosa siete capaci di fare”. Si è rivolto così ai carabinieri della Stazione di Maddaloni Edoardo Esposito, 45enne del posto già grato di precedenti e sottoposto da mesi all’obbligo di presentazione quotidiana negli uffici della polizia giudiziaria, poco prima sferrare pugni e calci contro il vetro della sala d’attesa.

I miliari mercoledì hanno dato esecuzione all’ordinanza di aggravamento e contestuale applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di Esposito, dopo il grave episodio verificatosi lo scorso 12 ottobre, quando il 45enne si era presentato in ritardo rispetto all’orario di firma stabilito dall’autorità giudiziaria. 

Esposito aveva quindi preteso, minacciando i militari, di indicare sull’apposito registro un orario diverso da quello effettivo.

La procura di Santa Maria Capua Vetere ha quindi richiesto l’applicazione della misura cautelare ai domiciliari nei suoi confronti, eseguita dai carabinieri di Maddaloni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Vi spacco la testa”. Calci e pugni nella caserma contro i carabinieri

CasertaNews è in caricamento