Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Carabiniere ucciso da treno durante inseguimento, condanne definitive per 2 ladri

Sono stati processati per furto aggravato: aveva rubato in una casa quando furono beccati

Il vice brigadiere Emanuele Reali

Sono diventate definitive le conante a carico di Cristian Pengue, 23 anni, e Salvatore Salvati, 47 anni, entrambi napoletani, che facevano parte della banda che il 6 novembre 2018 tentò di mettere a segno un furto in abitazione a Caserta, diventando protagonisti insieme ad altri due complici, di un inseguimento coi carabinieri nel quale perse la vita il vice brigadiere Emanuele Reali, investito dal treno in corsa mentre rincorreva i fuggitivi sui binari paralleli a via Ferrarecce.

La Corte di Cassazione ha, infatti, respinto i ricorsi presentati da Pengue e Salvati (che erano stati condannanti con rito abbreviato) per furto aggravato. “I giudici di appello - si legge nella motivazione dei giudici della Quarta Sezione di Cassazione, presidente Giacomo Fumo - hanno ritenuto che gli imputati avessero acquisito la piena e autonoma disponibilità della refurtiva, essendo usciti dall'appartamento e dal palazzo e avendo caricato la refurtiva sulle due auto che erano lì ad attenderli; ritenendo che tale fatto avesse provocato la rescissione della signoria che era esercitata dal detentore sul bene, i giudici hanno considerato irrilevante la circostanza che gli autori del furto fossero stati osservati dai Carabinieri mentre tentavano la fuga”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carabiniere ucciso da treno durante inseguimento, condanne definitive per 2 ladri

CasertaNews è in caricamento