Cannabis light, chiuso un altro negozio. Indagato il titolare

E’ accusato di aver posto in commercio sostanza drogante e derivati

I cartelli di protesta contro la chiusura dei negozi a Caserta

C’è un quarto indagato nell’ambito delle verifiche avviate dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere sulla messa in commercio dei derivati della cannabis light.

Oltre ai tre negozi chiusi dai carabinieri di Caserta (con provvedimento confermato dal gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere), un’altra perquisizione e sequestro, con contestuale denuncia del titolare, è stata operata dai militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria sempre nella città di Caserta. Il proprietario del negozio è ritenuto responsabile di aver posto in commercio la cannabis sativa light ed i prodotti derivati.  

S'INCATENA DAVANTI AL NEGOZIO SEQUESTRATO DALLA PROCURA I VIDEO

Nel corso delle perquisizioni avvenute venerdì sera da parte dei carabinieri nei locali di Caserta città, venivano sequestrate infiorescenze, apparentemente riconducibili alle varietà di cannabis light detenute per la vendita.

I provvedimenti di perquisizione e di sequestro dei negozi traevano origine dalla sentenza delle Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione del 30 maggio con la quale i giudici, interpretando definitivamente la norma di cui alla legge 242/2016, concludevano che “la commercializzazione di Cannabis sativa Light ed in particolare di foglie, inflorescenza, olio, resina, ottenuti dalla coltivazione della varietà di canapa, non rientra nell’ambito di applicazione della legge 242/2016, che qualifica come lecita unicamente l’attività di coltivazione di canapa delle varietà iscritte nel catalogo comune delle specie di piante agricole. Pertanto integrano il reato di cui all’articolo 73 commi 1 e 4 del Dpr 309/90, le condotte di cessioni, di vendita e, in genere, la commercializzazione al pubblico, a qualsiasi titolo di prodotti derivanti dalla coltivazione della cannabis sativa light, salvo che tali prodotti siano in concreto privi di efficacia drogante”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra dalle vacanze e si 'becca' 10mila euro col 'Gratta&Vinci'

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Anatre abbattute a fucilate, beccati i cacciatori abusivi | FOTO

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

Torna su
CasertaNews è in caricamento