rotate-mobile
Lunedì, 5 Dicembre 2022
Cronaca Casapulla

Cani legati e mal ridotti: condannato allevatore

La sentenza del tribunale

Allevatore maltratta ed abbandona i suoi 12 cani: il giudice lo condanna a 6 mesi di reclusione ed al risarcimento del danno alla Lega Nazionale Difesa del Cane costituitasi parte civile.

E’ quanto disposto dal giudice monocratico Rosetta Stravino del tribunale di Santa Maria Capua Vetere che ha ritenuto responsabile il 52enne allevatore ovicaprino di Casapulla, difeso dall'avvocato Enzo Domenico Spina, per i reati di maltrattamenti ed abbandono di animali.

Secondo quanto ricostruito dalla Procura sammaritana, l'allevatore bovino nel giugno 2020 in un'area destinata all'allevamento ovicaprino sita a San Nicola La Strada, in località Pizzo Pilato,, sottoponeva a sevizie 12 cani di varia razza poiché li teneva legati con una catena collegata a ricoveri di fortuna (carrelli, rimorchi, cisterne d'acqua) lasciati negli escrementi senza minima possibilità di movimento e con numerose abrasioni sul collo provocate dalla catena.

Inoltre deteneva i cani in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di sofferenze. Gli animali infatti avevano riportato uno stato psicotico 'da circolo' causato dallo stato di costrizione oltre che a dermatiti provocate dall'aggressione delle mosche giacché erano immersi negli escrementi. Il giudice monocratico ha quindi condannato l'allevatore ovicaprino a 6 mesi di reclusione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cani legati e mal ridotti: condannato allevatore

CasertaNews è in caricamento