Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Camorra nella zona industriale, focus in aula sulla realizzazione dei capannoni

Il processo a carico del boss Bifone con l'avvocato Stabile e due imprenditori

Il processo a Santa Maria Capua Vetere

La questione della costruzione di alcuni capannoni al centro del processo a carico del boss di Portico Antonio Bifone, l’avvocato di Aversa Giuseppe Stabile e due imprenditori, Antonio D’Amico e Pietro Vaiano, sotto indagine per il reato di associazione a delinquere di stampo camorristico.

Nel corso dell'udienza celebrata dinanzi alla terza sezione penale del tribunale di Santa Maria Capua Vetere (presidente Giuseppe Meccariello) è iniziata l'escussione dei testimoni della difesa. Ben 5 quelli ascoltati in tribunale intervenuti per descrivere le modalità di affidamento della commessa per la realizzazione dei capannoni nella zona industriale a Portico di Caserta. Il processo riprenderà alla fine di luglio per proseguire con altri testimoni della difesa, almeno 9 quelli in calendario. Nel collegio difensivo sono impegnati, tra gli altri, gli avvocati Mario Griffo e Raffaele Crisileo.

Secondo l’accusa, l’avvocato Stabile, attualmente detenuto nel carcere di Sassari, era il referente del clan presso degli uffici giudiziari napoletani, invece D’Amico e Vaiano erano gli imprenditori interessati alla costruzione della zona industriale del Comune di Portico su cui erano proiettati gli interessi del clan.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camorra nella zona industriale, focus in aula sulla realizzazione dei capannoni

CasertaNews è in caricamento