rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Cronaca Mignano Monte Lungo

Le mani del clan sui terreni dell'alto casertano: 10 a processo

Giudizio immediato anche per Michele Sangermano: ha costretto un proprietario a cedergli un area a Mignano Monte Lungo

Arriva una prima svolta sugli affari illeciti del clan Sangermano che aveva allungato i propri tentacoli anche sulla provincia di Caserta, in particolare nella zona dell'Alto Casertano, per investire i propri proventi nella coltivazione di nocciole e ricevere finanziamenti dalla comunità europea. 

Il gip Fabrizio D'Amore del tribunale di Napoli ha disposto il giudizio immediato per 10 degli indagati coinvolti nell'inchiesta che aveva portato a ben 25 arresti a novembre scorso. Il decreto di giudizio immediato, riferisce AvellinoToday, riguarda le posizioni di Agostino e Nicola Sangermano, ritenuti i vertici del clan omonimo fino all'agosto del 2021 detenuti e difesi dai penalisti Raffaele Bizzarro,  Nicola Quatrano e Gennaro Pecoraro; Michele Sangermano, detenuto agli arresti domiciliari e difeso da Giuseppe Della Monica e Andrea Imperato. Sarebbe lui ad aver costretto alcuni proprietari terrieri a cedere in suo favore dei terreni a Mignano Monte Lungo. 

E ancora. Processo con immediato per Giuseppe Buonincontri, difeso dagli avvocati Francesco Picca e Pasquale Napolitano; Luigi Vitale, detenuto e difeso dall'avvocato Gaetano Aufiero. Onofrio Sepe, detenuto e difeso da Raffaele Bizzarro; Salvatore Sepe, detenuto e difeso da Raffaele Bizzarro e Giovanna Russo; Paolo Nappi, difeso da Raffaele Bizzarro e Marco Massimiliano Maffei; Ezio Mercogliano, detenuto e difeso da Raffaele Bizzarro e Vittorio Corcione; il commercialista Clemente Muto, difeso dagli avvocati Giovanni Pignatelli e Antonio Del Vecchio. Per Muto i magistrati del Tribunale del Riesame di Napoli hanno riqualificato il capo di imputazione in concorso esterno in associazione a delinquere. 

Per loro il processo inizierà a giugno. Per tutti gli altri indagati raggiunti dalla misura cautelare (annullata dal Riesame prevalentemente per l'attualità delle esigenze cautelari) ci sarà invece un'udienza preliminare in cui si dovrà decidere se andranno o meno a giudizio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le mani del clan sui terreni dell'alto casertano: 10 a processo

CasertaNews è in caricamento