menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'inchiesta sulla distribuzione alimentare

L'inchiesta sulla distribuzione alimentare

Supermercati della camorra, Siciliano spera dopo la scarcerazione dei Capaldo

L'imprenditore della distribuzione alimentare attende la fissazione dell'udienza per il suo ricorso al Riesame

Il verdetto favorevole per i Capaldo fa sperare l'imprenditore Paolo Siciliano. Il suo ricorso al Riesame contro l'ordinanza di custodia cautelare in carcere nell'inchieste sulle infiltrazioni del gruppo Zagaria nei supermercati e che avrebbe visto Filippo Capaldo, nipote del capoclan Michele Zagaria, quale presunto 'socio occulto' proprio di Siciliano.

L'imprenditore della distribuzione alimentare ha depositato il proprio ricorso successivamente rispetto agli altri 6 indagati, tutti tornati liberi nella serata di lunedì. Un 'ritardo' legato principalmente alle perizie difensive espletate sulle imprese di Siciliano, difeso dagli avvocati Claudio Sgambato e Federico Simoncelli. 

I giudici del tribunale della Libertà di Napoli, nel frattempo, hanno annullato il provvedimento cautelare per i Capaldo, difesi dagli avvocati Giuseppe Stellato e Ferdinando Letizia, intervenendo proprio sulle condotte associative contestate dalla Dda ai nipoti del capoclan. Un giudizio che fa sperare ora Siciliano, che potrebbe tornare libero. L'udienza al momento non è stata fissata. Una possibile finestra per la discussione del ricorso potrebbe essere individuata tra la fine della settimana e l'inizio della prossima. Staremo a vedere. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento