menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto De Luca nel video pubblicato da 'Fanpage'

Roberto De Luca nel video pubblicato da 'Fanpage'

Scandalo rifiuti. Il figlio di De Luca incontra l'ex camorrista 'infiltrato'

Il fratello Piero è il capolista nella lista del Pd a Caserta

Il 15%. Sarebbe questa la percentuale in tangente da far incassare ai politici per poter vincere un appalto per lo smaltimento delle ecoballe. È il quadro che emerge dall’inchiesta condotta da Fanpage e che tira in ballo Roberto De Luca, assessore comunale a Salerno, figlio del governatore della Campania Vincenzo e fratello di Piero De Luca, candidato come capolista Pd a Caserta.

L'ex camorrista pentito Nunzio Perrella, che fa da 'agente provocatore' fingendosi imprenditore del settore rifiuti interessato a un appalto per lo smaltimento delle ecoballe, quantifica la presunta tangente: "Comunque dentro a questo 11-12 per cento è comprensivo pure Roberto, è così?". Risponde il commercialista Francesco Colletta, amico di Roberto: "Dieci, quindici non undici". Perrella: "E' comprensivo pure Roberto?". Colletta: "Sì massimo il 15".

Roberto De Luca è indagato l'ipotesi di corruzione per la presunta promessa di denaro formulata dal finto imprenditore. Gli altri indagati sono Luciano Passariello, consigliere regionale di FdI e candidato alla Camera, Agostino Chiatto, il consigliere delegato della Sma Campania Lorenzo Di Domenico, il commercialista Carmine Damiano e gli imprenditori Nunzio Perrella, Rosario Esposito, Antonio Infantino. Nell'inchiesta sono indagati gli stessi giornalisti di Fanpage che si sono finiti imprenditori interessati a sversare illegalmente i rifiuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento