Camorra a Caserta, l'inchino della Madonna al boss: "Deve baciare la casa"

La processione costretta a deviare nella stradina privata testimonia il potere riconosciuto alla famiglia Della Ventura

La festa della Madonna delle Grazie a Santa Barbara

L'inchino alla casa del boss ed i fuochi di artificio. E' questa una delle circostanze emerse nell'inchiesta sui Della Ventura che testimonierebbero, ad avviso degli inquirenti della Dda, il potere di Michele Maravita sul territorio ed il rispetto riconosciuto alla famiglia, referente dei Belforte sul Capoluogo. 

Era la suocera di Maravita, Concetta Buonocore, moglie del boss Antonio Della Ventura, a tenerci particolarmente al passaggio dell'icona sacra. Ci teneva al punto che "quando è arrivato questo nuovo prete - rivela lo stesso Maravita in un'intercettazione - non sapeva che doveva portare la Madonna a casa loro e, dice che la suocera il giorno della processione, ha preso l'auto e fermato la processione e l'ha obbligata ad entrare a casa loro e dice che poi successivamente è andata a parlare con il prete e ha contribuito a far costruire il campo di calcetto dietro la chiesa". 

I preparativi fervono. Il giardino di casa viene reso lindo e pinto e Maravita dice che "la processione entra nella strada privata perchè la Madonna deve baciare casa sua". In un distributore di benzina, Maravita incontra tale Mimmo al quale allunga la quota per il disturbo: 100 euro. Spiccioli per il rampollo, abituato a macchine di lusso e week end a Montecarlo in alberghi da 2200 euro a notte. 

Arriva la data tanto attesa. Il 23 giugno 2017 la tradizione si ripete. Il corteo devia dal suo percorso per andare nella stradina privata che porta a casa Della Ventura. Una sosta lunga, circa 20 minuti, immortalati dalle telecamere di videosorveglianza poste dinanzi alla stradina di accesso. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto sono stati fissati gli interrogatori con gli indagati che dovranno sfilare dinanzi al gip Emilia Di Palma del tribunale di Napoli per chiarire la propria posizione. L'interrogatorio si terrà in modalità telematica. Nel collegio difensivo sono impegnati, tra gli altri, gli avvocati Nello Sgambato, Alfonso Iovino, Enrica Alifano e Michele Di Fraia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SPECIALE REGIONALI E' ufficiale: Grimaldi eletto. Nel nuovo consiglio regionale ben 5 uscenti

  • SPECIALE MARCIANISE Abbate sfiora i 9mila voti, Velardi a contatto. Alessandro Tartaglione all11%

  • SPECIALE MARCIANISE Moretta super con 1164 preferenze: cinque donne tra i candidati più votati

  • Tempesta nel casertano: abbattuti cartelloni pubblicitari ed alberi, volano anche pezzi di tetto | FOTO

  • Maresciallo dei carabinieri investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato 21enne

  • SPECIALE SANTA MARIA A VICO Tutti i voti e i nuovi consiglieri comunali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento