Dieci anni di estorsione ad una gioielleria: ordine d'arresto per il boss

E' accusato anche di aver chiesto il pizzo ad un negozio di autoricambi

I Carabinieri dell’aliquota operativa della Compagnia di Sessa Aurunca hanno notificato l’ordine di esecuzione di misura cautelare personale, emesso dall’ufficio GIP del Tribunale di Napoli, nei confronti di Gaetano Di Lorenzo, 59 anni, esponente apicale, con ruolo direttivo fino all’anno 2002, del clan camorristico denominato dei “Muzzoni”, operante in Sessa Aurunca, Cellole, Carinola e comuni viciniori.

Di Lorenzo è attualmente recluso nella casa circondariale “Opera” a Milano.

A Di Lorenzo sono state contestate estorsioni in danno del titolare di una gioielleria di Sessa Aurunca  (fra il 1987 e 1996) e del titolare di un negozio di autoricambi ubicato sempre in Sessa Aurunca (fino all’anno 2002).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento