menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nicola Schiavone

Nicola Schiavone

Zagaria, Schiavone e Panaro parlano e fanno scattare l'inchiesta bis. Indagato l'ex sindaco

I pentiti raccontano i meandri degli accordi tra imprenditori e politici

C’è anche l’ex sindaco di Capua Carmine Antropoli indagato nell’inchiesta della Dda di Napoli che ha portato all’arresto degli imprenditori Domenico Farina, Domenico Pagano e dei cugini Francesco e Giuseppe Verazzo di Casal di Principe.

Con l’ex sindaco sono indagati a piede libero anche gli ex amministratori Marco Ricci e Guido Taglialatela, Luca Diana di San Cipriano d’Aversa e Maria Alfredo Cenviti, che si vanno ad aggiungere a Francesco Greco, ex dirigente del Comune di Capua, ed Andrea D’Alessandro, funzionario di banca. 

Per questi ultimi due il gip ha disposto la sospensione di un anno dai rispettivi incarichi con la contestuale presentazione alla polizia giudiziaria.

A puntare il dito contro gli indagati odierni è stato Francesco Zagaria, alias ‘Ciccio e brezza, indagato anche lui dalla Dda, insieme con Nicola Schiavone, figlio di Sandokan, e Nicola Panaro.

L’accusa nei confronti dei politici è sempre quella di aver “aiutato” gli imprenditori (legati a Michele Zagaria prima ed alla famiglia Schiavone poi) ad entrare nei meandri della pubblica amministrazione di Capua in cambio di appoggio elettorali.

In questo caso, però, rispetto alla prima inchiesta che ha coinvolto Antropoli, Taglialatela e Ricci, il gip non ha accolto la richiesta di misura cautelare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Attrice casertana sbarca in Rai col 'Commissario Ricciardi' | FOTO

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento