rotate-mobile
Cronaca Santa Maria Capua Vetere

Infiltrazioni del clan nel verde pubblico: chieste due condanne

La Dda ha invocato 9 anni per Tiglio, 7 anni e mezzo per Di Rienzo. Chiesta l'assoluzione per Aversano Stabile

Due condanne ed una assoluzione. Sono queste le richieste formulate dal  Sostituto Procuratore Giorgia Da Ponte della Dda di Napoli nel corso della sua requisitoria dinanzi al collegio della Prima Sezione Penale, presieduto dal giudice Sergio Enea, nel processo sulle infiltrazioni del clan dei Casalesi nel verde pubblico a Santa Maria Capua Vetere.

Assoluzione perché il fatto non sussiste per Romeo Aversano Stabile. Il pm ha poi invocato 9 anni di reclusione per Mario Tiglio; 7 anni e 6 mesi di reclusione per Gianfranco Di Rienzo. I tre sono finiti sotto accusa con i collaboratori di giustizia Massimo Vitolo e Antonio Monaco (che hanno proceduto con rito abbreviato) poiché con minaccia costituita nel far valere la forza intimidatoria del clan dei Casalesi, fazione Schiavone, estorcevano all'imprenditore Alfredo Cicala e conseguentemente alla Pumaver srl svariate somme di denaro procurandosi così un ingiusto profitto. Attraverso i proventi estorsivi il clan si creava una provvista per il pagamento degli stipendi agli affiliati e ai loro familiari assicurando così la sopravvivenza della stessa organizzazione camorristica.

Le condotte estorsive furono compiute nel 2004 e di tali condotte ne riferirono appunto i due collaboratori di giustizia Massimo Vitolo e Antonio Monaco rispettivamente nel dicembre 2015 e nel febbraio 2016 accertate poi dall'attività investigativa della Squadra Mobile della Questura di Caserta. Alla Pumaver srl che all'epoca dei fatti vinse una gara d'appalto con il Comune di Santa Maria Capua Vetere dal 2004 al 2009 vennero richieste tangenti 'fisse' in occasione delle festività (Natale, Pasqua,Ferragosto) per un importo di 4000 euro cadauna.

Si torna in aula nel mese di luglio per le discussioni dei legali. Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Giuseppe De Lucia, Paolo Di Furia, Carlo De Stavola, Rocco Trombetti, Mauro Iodice, Domenico Esposito, Patrizia Sebastianelli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infiltrazioni del clan nel verde pubblico: chieste due condanne

CasertaNews è in caricamento