rotate-mobile
Cronaca Sant'Arpino

Caccia agli evasori fiscali, nelle casse del Comune entrano 135mila euro

Nel mirino è finita la società 2i rete Gas, distributore del gas naturale

Altri soldi entrano nelle casse comunali. Altri 135.552 euro è riuscito a portare nelle casse del Comune di Sant’Arpino l'attivismo del sindaco Giuseppe Dell'Aversana che ha sta realizzando una strenua politica di recupero delle somme non versate per tributi comunali.

"Da un'attenta lettura del bilancio - dichiara il sindaco Dell'Aversana -  ho notato che la 2i Rete Gas oltre all'anno 2016 doveva ancora versare al comune i canoni del 2014 e del 2015. Subito ho sollecitato gli uffici a provvedere. Nessun ritardo è tollerabile, le casse sono al rosso ed il comune è in fortissime difficoltà economiche".

L'azienda 2i rete Gas ha sede a Milano alla via Pablo Neruda ed opera sull'intero territorio nazionale, per la distribuzione di gas naturale per usi civili ed industriali. Concessionaria del servizio distribuzione gas in circa duemila comuni italiani ha l'obbligo di versare un canone annuale di oltre 40 mila euro al comune di Sant'Arpino per occupazione sottosuolo pubblico dei tubi del gas metano.

Il sindaco a seguito di nota dell'ufficio ragioneria ha attivato una verifica approfondita che ha portato a notare il mancato versamento di 46.227 euro per l'anno 2014, di euro 46.365 per l'anno 2015 oltre al mancato versamento per l'anno 2016 pari a 42.890 euro. A seguito di sollecito finalmente l'intera somma triennale è giunta da poco nelle casse comunali con gran sospiro di sollievo per gli amministratori comunali che sabato hanno votato un piano di riequilibrio decennale in consiglio comunale per sostenere l'immensa massa debitoria del comune che supera gli otto milioni di euro.

"Abbiamo il dovere morale di salvaguardare l'interesse pubblico. Fra poco partiranno anche le ingiunzioni per quelli che non hanno pagato gli oneri di urbanizzazione - aggiunge il sindaco Dell'Aversana - nonostante il rilascio di regolare concessione edilizia da parte del comune”.

Infatti gli uffici comunali con apposita determina numero 57 del 26 ottobre avente ad oggetto "Accertamento di entrata derivante dal recupero del contributo di costruzione rateizzato dei Permessi di Costruzione rilasciati garantiti da apposita garanzia fidujussoria" ha accertato la complessiva somma di euro 273?120   da incassare al capitolo di entrata 64/00 del corrente bilancio di previsione mediante iscrizione a ruolo da parte dell'ufficio tributi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caccia agli evasori fiscali, nelle casse del Comune entrano 135mila euro

CasertaNews è in caricamento