Boss scarcerati, regge il 'decreto Bonafede'. La Consulta: "Questioni infondate"

I dubbi sollevati anche dal tribunale di sorveglianza che aveva deciso sulla scarcerazione temporanea di Pasquale Zagaria, fratello del capoclan dei Casalesi Michele

Pasquale Zagaria, fratello del capoclan dei Casalesi Michele

"Infondate" le censure sollevate sul cosiddetto decreto anti-scarcerazioni in periodo Covid. E' il giudizio che hanno espresso i giudici della Corte Costituzionale, riuniti in camera di consiglio al palazzo della Consulta per esaminare le questioni sollevate dal Tribunale di sorveglianza di Sassari e dai magistrati di sorveglianza di Spoleto e di Avellino sul decreto legge 29 e sulla legge 70 del 2020 relativi alle scarcerazioni, connesse all'emergenza per la pandemia da coronavirus, di detenuti condannati per reati di particolare gravità. Uno dei casi riguardava Pasquale Zagaria, fratello del capoclan dei Casalesi Michele, scarcerato ad aprile nel pieno dell’emergenza da coronavirus e tornato dietro le sbarre della struttura penitenziaria di Opera (Milano) a fine settembre.

Consulta: “Questioni ritenute infondate”

In attesa del deposito della sentenza, le cui motivazioni saranno depositate nelle prossime settimane, dalla Consulta si riferisce che "le questioni sono state ritenute infondate". La disciplina censurata, ricordano i giudici costituzionali, impone ai giudici di sorveglianza di "verificare periodicamente la perdurante sussistenza delle ragioni che giustificano la detenzione domiciliare per motivi di salute". A tal fine, i giudici sono tenuti ad "acquisire una serie di documenti e di pareri, in particolare da parte del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, della Procura nazionale antimafia e della Procura distrettuale antimafia". La Corte Costituzionale ha ritenuto che "questa disciplina non sia in contrasto con il diritto di difesa del condannato, né con l'esigenza di tutela della sua salute, né con il principio di separazione tra potere giudiziario e potere legislativo".

Il ministro della Giustizia Bonafede soddisfatto

Anche se le motivazioni della sentenza non sono ancora note, "grande soddisfazione", a quanto viene riferito, sarebbe stata espressa dal ministro della Giustizia Bonafede alla notizia del verdetto con cui la Consulta ha respinto il ricorso contro il decreto "antiscarcerazioni". Proprio il Guardasigilli era stato infatti il promotore del provvedimento all'esame della Corte costituzionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

  • Oltre 900 nuovi casi e 3 vittime del Covid. Aumenta percentuale positivi

Torna su
CasertaNews è in caricamento