Blitz nel ‘market della droga’, sequestrato per la seconda volta in 10 mesi il Palazzo Grimaldi | FOTO

Gli agenti della polizia municipale fanno irruzione nell'immobile fatiscente e trovano 4 abusivi: si sono introdotti formando degli incavi nei muri e defenestrando alcuni accessi

L'immobile fatiscente sequestrato dai vigili urbani

Palazzo Grimaldi a Castel Volturno reimpiegato come 'market della droga': irruzione della polizia municipale. Dopo innumerevoli segnalazioni pervenute al comando della polizia municipale castellano attestanti la presenza di persone all'interno del fatiscente immobile sito sulla Strada Statale Domiziana, già posto sotto sequestro nel novembre del 2019, è scattata l'irruzione degli agenti della polizia locale.

Quattro soggetti sono stati trovati all'interno del plesso intenti a bivaccare o a fare uso di crack. Si tratta di tre ragazzi nigeriani e di una donna italiana. Gli agenti in tutti e tre i piani di cui il fabbricato è composto hanno scoperto tracce di 'vissuto': cibo, abiti, droga seppur 'per uso personale'. Gli abusivi occupanti si sono introdotti all'interno dell'edificio formando degli incavi nei muri e defenestrando alcuni accessi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sgomberato nuovamente il fabbricato è stato risequestrato ed interdetto all'accesso mediante inferriate. "Il Palazzo Grimaldi è da sempre tristemente noto per le vicende giuridiche che lo vedono protagonista. Noi siamo pochi, siamo soli contro un nemico che avanza che non si fa in tempo ad estirpare che rincresce di nuovo", sottolineano alcuni membri dell'amministrazione comunale. Come è noto, infatti, Palazzo Grimaldi fu sequestrato già nel novembre del 2019 a seguito di un'operazione dei carabinieri di Grazzanise che portò all'arresto di nove immigrati africani responsabili a vario titolo di detenzione, cessione illecita ed importazione in concorso di sostanze stupefacenti. L'immobile fatiscente fungeva da market della droga: lì giungevano dalla provincia di Caserta e dal napoletano. La droga veniva importata dal Kenya e smistata nelle piazze di spaccio nostrane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Il Covid colpisce ancora: 187 nuovi positivi nel casertano

  • “Scuole riaperte da mercoledì”, ma De Luca spegne l’entusiasmo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento