rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Cronaca

Caserta tra 10 province d'Italia per controlli, Grassi: "Più agenti in strada e attenzione sulle scuole"

Il Questore traccia un bilancio del 2023: "Presto i Daspo per Casertana-Foggia". Preoccupa aumento di furti e rapine

"Caserta è nella top ten d'Italia per i controlli sul territorio". Lo ha confermato il Questore Andrea Grassi nel corso della conferenza stampa di fine anno in Questura.

I dati

In particolare sono stati forniti i dati sulle operazioni ad "Alto Impatto" - svolte in sinergia con carabinieri, guardia di finanza e polizia locale - sia a Castel Volturno sia negli altri grandi comuni del territorio (Caserta, Aversa, Maddaloni, Marcianise, Santa Maria Capua Vetere e Sessa Aurunca). In particolare per Castel Volturno - con l'ultima operazione che si è conclusa nelle scorse ore - sono state impiegate nel complesso (da agosto sono state effettuate 4 operazioni) oltre 500 unità, identificate 7mila persone, controllate 756 persone ristrette agli arresti domiciliari (ne sono circa 500 in totale), controllati 3500 veicoli, effettuate 60 perquisizioni che hanno portato a 14 arresti, 64 denunce ed al sequestro di 10 chili di sostanze stupefacenti. 

Nel resto del territorio, invece, nel corso delle operazioni ad Alto Impatto sono state arrestate 200 persone, mille denunciati, effettuati 12mila posti di controllo, identificate 200mila persone, 387 veicoli sequestrati, controllati 300 esercizi pubblici, effettuati 31mila controlli di persone ai domiciliari, sequestrati 20 chili di droga, tra cui 1 chilo di cocaina. 

"Siamo tra le 10 province per controlli in Italia"

Alla luce di questi numeri "la Questura di Caserta è nella top ten d'Italia per i controlli sul territorio che rientra tra quelli particolarmente attenzionati dal ministero dell'Interno - ha spiegato Grassi - Queste attività servono anche per comprendere le dinamiche ed intercettare nuove alleanze o la ripresa di vecchie. La provincia di Caserta è molto vicina a quella di Napoli e si registrano 'picchiate' della delinquenza napoletana sul nostro territorio ma anche interazioni tra la criminalità locale e quella straniera". 

L'ordine pubblico: "Presto i Daspo per Casertana-Foggia"

In generale, il Questore Grassi è apparso particolarmente sensibile alle questioni relative all'ordine pubblico anche se non sono mancate criticità. "In primo luogo ci sono contingenze economiche che possono evidenziare criticità - ha spiegato - Il dissenso va garantito e fino ad oggi anche le proteste da parte di lavoratori sono state gestite brillantemente". Meno brillantemente, invece, è stato gestito l'ordine pubblico in occasione di Casertana-Foggia con danni al cancello dei distinti e qualche ferito. "Nelle prossime ore - ha annunciato il Questore - Potremo deferire all'autorità giudiziaria una serie di personaggi che si sono resi protagonisti di quegli episodi ed emettere i relativi Daspo". I provvedimenti, assicura il Questore, saranno eseguiti "prima di Natale". 

Aumentano i furti e le rapine

Altra preoccupazione è data dall'aumento dei reati predatori, furti e rapine, soprattutto quelli nelle case. Reati che "incidono sulla percezione della sicurezza". Per questo "aumenteremo le volanti e risorse in strada sia per la prevenzione sia per comprendere meglio le dinamiche del territorio". 

Il codice rosso

Altri fenomeni particolarmente monitorati sono quelli relativi i reati a sfondo sessuale e di genere anche se "la provincia di Caserta non registra aumenti sensibili da questo punto di vista". L'obiettivo, è stato spiegato, è comunque quello di prevenire "intercettando l'allarme lanciato dalle vittime ed intervenendo facendo un maggiore uso di provvedimenti come l'ammonimento". 

Il fronte terrorismo

La situazione internazionale, inoltre, non consente di abbassare la guardia sul fronte terrorismo. "Le attenzioni su questo sono condivise in sede di comitato di ordine pubblico - ha precisato il Questore - Ci sono obiettivi sensibili come la Reggia ma anche in altri settori della provincia".

I controlli nelle scuole

Il Questore Grassi ha ricordato anche una serie di attività nelle scuole per parlare con gli studenti su fenomeni come la mala movida e il cyberbullismo. Ma se questo è stato fatto sul fronte della prevenzione si registrano episodi di violenza (almeno 3 negli ultimi mesi) che necessitano maggiore attenzione. "Gli incontri ci consentono di avere un canale diretto con le dirigenze scolastiche - ha precisato il Questore - Ci sono stati controlli che si ripeteranno anche il prossimo anno".

Uffici della Questura alla Caserma Sacchi

Nel corso della conferenza, il Questore ha anche annunciato le prossime novità logistiche con la delocalizzazione di alcuni uffici, come quello Passaporti e quello Immigrazione, alla ex Caserma Sacchi. 

Il valzer delle dirigenze e nuovi agenti in arrivo

Dal suo insediamento Grassi ha registrato inoltre cambi alle dirigenze dei vari uffici: Polizia Amministrativa, Digos, Squadra Mobile e commissariato di Casal di Principe (dove andrà il funzionario Michele Pota). "Si spera con questi cambi si possa migliorare la performance", ha aggiunto il Questore. Si attendono anche rinforzi. Ai 20 agenti giunti a Castel Volturno se ne andranno presto ad aggiungere altri 30 tra commissari ed agenti che arriveranno a Caserta.

Insomma, "ci saranno più agenti in strada", ha sottolineato Grassi che ha ribadito i rapporti idilliaci con il prefetto Giuseppe Castaldo, il colonnello dei carabinieri Scarso e il colonnello della Guardia di Finanza Sportelli oltre ai buoni rapporti con le tre Procure che operano sulla provincia di Caserta (Santa Maria Capua Vetere, Napoli Nord e Napoli). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caserta tra 10 province d'Italia per controlli, Grassi: "Più agenti in strada e attenzione sulle scuole"

CasertaNews è in caricamento