menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Domenico Belforte e sua moglie Maria Buttone

Domenico Belforte e sua moglie Maria Buttone

Belforte ancora positivo, salta il processo per l'omicidio dell'amante

Prima udienza in Appello per il delitto di Angela Gentile. Con il capoclan imputata anche la moglie

Si torna in aula a metà giugno per il processo per l'omicidio di Angela Gentile, la donna di Marcianise uccisa per aver intrattento una relazione clandestina con il boss Domenico Belforte. Il capoclan dei Mazzacane, infatti, è ancora positivo al coronavirus dopo il contagio riscontrato la scorsa settimana al carcere di Cuneo, dove si trova ristretto. Questo il motivo per cui la prima udienza nel processo d'appello si è conclusa con un mero rinvio.

Con Belforte (condannato a 30 anni in primo grado) è imputata per il delitto anche la moglie Maria Buttone (condannata all'ergastolo in primo grado). Processo in Appello anche per la nuora Alessandra Golino (condannata a 6 anni per la sola accusa di estorsione). Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Nicola Musone, Massimo Trigari e Dario Vannatiello. 

Secondo quanto ricostruito, Angela Gentile era stata per lungo tempo una fiamma di Domenico Belforte. Da lui, nel 1978, aveva avuto anche una figlia. Il boss, tuttavia, non aveva mai “ufficializzato” quella nascita, al punto da non riconoscere la neonata. Nel 1991, quando ormai la ragazza aveva 13 anni, Belforte si era riavvicinato alla Gentile al punto da offrirle anche alcuni contributi di ordine economico ma scatenando, al contempo, le ire della Buttone. Questa, perciò, pose l’uomo di fronte a un aut aut: o lo avrebbe lasciato, portando con sé i loro figli, oppure lui avrebbe dovuto assassinare quella donna e occultarne il cadavere; in cambio, avrebbe accettato di crescerne la figlia presso la loro casa. Il tragico epilogo della vicenda segnò la scelta del ras il quale, consumato il delitto, occultò il cadavere dell'amante in un sito ancora oggi ignoto. Allo stesso tempo, la Buttone tenne fede al patto, accogliendo la bambina presso casa “Belforte”. 

Per la Corte di Cassazione - che ha confermato il carcere per la Buttone dopo la sentenza di primo grado - l'omicidio "non fu causato dalla gelosia di una moglie che aveva scoperto l'esistenza della relazione extraconiugale del marito, Domenico Belforte, a capo dell'associazione camorristica di Marcianise, quanto dalla pretesa, rispondente a deprecabili logiche criminali di tipo mafioso, della moglie del capo clan di ottenere adeguata compensazione per aver subito un torto e accettato di accogliere in casa la figlia illegittima che il marito aveva avuto da quella relazione". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento