rotate-mobile
Cronaca Castel Volturno

Il processo del barbiere ucciso 'accelera', le testimonianze nel fascicolo del giudice

Acquisiti i verbali di interrogatori di ufficiali di pg, consulenti e testimoni privati

Acquisite gran parte delle dichiarazioni dei testimoni per ‘velocizzare’ la chiusura dell’istruttoria dibattimentale. E’ quanto accaduto nel processo a carico di Alessandro e Roberto Moniello, rispettivamente padre e figlio, ritenuti responsabili della morte del barbiere, ucciso nella notte tra il 5 e il 6 novembre 2022 a Castel Volturno nel vialetto di casa, in via Papa Roncalli in località Scatozza.

Dinanzi alla Corte d’Assise, presieduta da Roberto Donatiello con a latere Honorè Dessi sono state acquisite le testimonianze degli ufficiali di pg, consulenti tecnici, testimoni privati. L’unica escussione necessaria per l’Assise è quella della congiunta Moniello e di un consulente della difesa dell’imputato. Si torna in aula a settembre.

Padre e figlio rispondono di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dai futili motivi, dalla minorata difesa e crudeltà. Secondo la Procura di Santa Maria Capua Vetere, il barbiere 38enne è stato assassinato da due persone. Dalle caratteristiche morfologiche delle lesioni, i periti della Procura hanno stabilito che sono stati utilizzati due mezzi da taglio: uno con lama da 20 centimetri con 2 margini taglienti, l'altro monolama con un unico margine tagliente e a punta arrotondata. Elemento accertato è stata la presenza del sangue della vittima ritrovato sugli indumenti di Roberto Monello. Tesi poi avvalorata dal Sostituto Procuratore Annalisa Imparato. Per stessa ammissione degli imputati, l'omicidio di Luigi Izzo sarebbe avvenuto per una serie a catena di 'malintesi' e di errori di persona.

Gli imputati sono assistiti dagli avvocati Giuseppe Guadagno e Gaetano D'Orso. Le parti civili sono rappresentate dall'avvocato Ferdinando Letizia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il processo del barbiere ucciso 'accelera', le testimonianze nel fascicolo del giudice

CasertaNews è in caricamento