menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le indagini dei carabinieri coordinati dalla Procura

Le indagini dei carabinieri coordinati dalla Procura

Bambino ucciso di botte, la madre ricoverata in ospedale

La donna ha avuto un crollo emotivo. Oggi l'autopsia sul piccolo di 2 anni, domani il compagno killer davanti ai giudici

Un dolore atroce, la perdita di suo figlio di appena due anni brutalmente ucciso secondo le prime ricostruzioni della Procura di Santa Maria Capua Vetere dal suo compagno. Il crollo emotivo ed il ricovero nel reparto di psichiatria del presidio ospedaliero San Rocco di Sessa Aurunca. È quanto accaduto a C. S., 29enne liberiana operatrice sanitaria e madre di una bambino di due anni morto dopo una disperata corsa in ospedale per le botte subite dal suo compagno, Omar Khalifa nigeriano di 26 anni.

La giovane madre scampata dall'orrore della guerriglia del paese natio per giungere in Italia vive a Castel Volturno nei pressi del Centro Fernandes. Si era integrata bene ed aveva trovato lavoro come operatrice sanitaria in una struttura privata del territorio castellano. Aveva affidato il piccolo alle cure del compagno 26enne col quale conviveva e che a Castel Volturno svolgeva lavori saltuari come giardiniere a Baia Verde. Al rientro da lavoro la tragedia. Il piccolo aveva il volto tumefatto e sanguinante e vistosi segni sul corpicino.

La disperata corsa presso il pronto soccorso della Clinica Pineta Grande di Castel Volturno ma era già tardi. Il cuore del piccolo aveva già smesso di battere ed i medici di lì a poco ne hanno dichiarato il decesso. La disperazione e la rabbia della donna si è riversata contro Omar Khalifa che in passato aveva già assunto atteggiamenti violenti nei suo confronti. Allertati i carabinieri della locale stazione è stato poi disposto il fermo dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere per omicidio aggravato e maltrattamenti ed il trasferimento di Omar Khalifa presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Intanto oggi il Pubblico Ministero  della Procura sammaritana Simona Faga conferirà l'incarico ad un consulente tecnico per lo svolgimento dell'esame autoptico sul corpicino martoriato del bambino. Domani il 26 enne nigeriano - assistito dal suo legale, l'avvocato Felice Belluomo - si presenterà dinanzi al gip Dello Stritto del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere per l'udienza di convalida che si svolgerà presso la casa circondariale "Francesco Uccella" dove è recluso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento