rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca San Marco Evangelista

Uccisi in villa, tempi stretti per la perizia sul ristoratore-killer

Il gup ha nominato il professor Aguglia per valutare la capacità di intendere e volere di Riccioli

E' il professor Eugenio Aguglia il perito nominato dal gup Minnieco del tribunale di Siracusa per testare la capacità di intendere e volere di Giampiero Riccioli, il ristoratore sotto processo per l'omicidio dei due badanti Alessandro Sabatino, 40 anni di San Marcellino, e Luigi Cerreto, 23 anni di San Marco Evangelista. Sia la Procura sia alcune parti civili hanno indicato propri consulenti. Una consulenza dai tempi stretti che inizierà già sabato e dovrà concludersi in meno di due settimane. Si torna in aula, infatti, a metà novembre quando lo psichiatra dovrà depositare le proprie conclusioni. 

Dei due badanti si persero le tracce nel maggio del 2014 ma il loro corpo venne rinvenuto solo nel febbraio 2021 nella villa di Riccioli, figlio dell'anziano che i due assistevano, in contrada Tivoli, ad una decina di chilometri da Siracusa. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti Alessandro e Luigi vennero legati con delle fascette, fatti inginocchiare e sparati in testa. Una vera e propria esecuzione. Dopo il delitto vennero sepolti nel giardino della villa in un punto su cui poi venne realizzato un barbecue in muratura. Secondo la Procura, i due badanti avevano denunciato i maltrattamenti del figlio nei confronti del padre. Questo provocò forti dissapori che per gli inquirenti sarebbero alla base del delitto. 

Si sono costituiti parte civile i familiari delle due vittime con gli avvocati Natalino Giannotti e Ciro Paolo Ascione (per i familiari di Cerreto), Vincenzo Guida e Sabrina Girotti (per i familiari di Sabatino) oltre all'associazione Penelope che si occupa di persone scomparse.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccisi in villa, tempi stretti per la perizia sul ristoratore-killer

CasertaNews è in caricamento