Bomba contro auto: la vittima dell'attentato arrestato col padre

Colpo di scena nelle indagini sull'intimidazione al 29enne

L'automobile dei Morgillo distrutta dopo l'attentato

Clamoroso colpo di scena nell'indagine sull'attentato ai danni di Gennaro Morgillo avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì a Santa Maria a Vico, con una bomba che è esplosa a Parco De Lucia distruggendo l'automobile dell'uomo, una Daewoo Matiz.

L'ATTENTATO: AUTO DISTRUTTA DA UNA BOMBA

I carabinieri di Maddaloni nel tardo pomeriggio di oggi hanno tratto in arresto la vittima dell'attentato insieme col padre Mario (proprietario della vettura distrutta che era nella disponibilità del figlio 29enne): i due sono stati fermati nella loro abitazione che è stata anche perquisita. I militari hanno notificato un decreto di fermo che nelle prossime ore dovrà essere convalidato dal gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Il blitz è scattato sulla base di "nuovi elementi" emersi nel corso delle indagini sull'attentato ed anche su un probabile pericolo di fuga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento