Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Nessuna condanna per l'omicidio della "Vecchiarella"

La Corte d'Appello conferma l'assoluzione per il boss D'Albenzio ed altri due

Nessuna condanna per l'omicidio di Vincenzo De Rosa, detto a Vecchiarella, avvenuto nel 1998 a Maddaloni. I giudici della Corte d'Assise d'Appello di Napoli hanno confermato l'assoluzione per Clemente D'Albenzio, capozona dei Belforte su Maddaloni, Angelo ed Alessandro De Matteo, entrambi di Cervino. 

I giudici hanno validato la sentenza di primo grado accogliendo le tesi del collegio difensivo composto dagli avvocati Franco Liguori, Domenico Antonucci e Ciccarelli. 

Secondo la ricostruzione dell'accusa il raid di morte venne commesso in quanto De Rosa avrebbe preteso una percentuale sulle estorsioni dei Belforte. Per questo dai referenti marcianisani dei Mazzacane arrivarono lamentele al clan Maddalonese che, secondo la ricostruzione dell'accusa, sarebbero state recepite da D'Albenzio, che intendeva accrescere il proprio prestigio criminale, che avrebbe dato l'ordine di morte. 

Una ricostruzione che però non ha retto alla prova del processo con i tre imputati che sono stati assolti da tutte le accuse.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessuna condanna per l'omicidio della "Vecchiarella"

CasertaNews è in caricamento